Geekissimo

Organizzazioni “trasparenti”? Google agli ultimi posti mondiali

 
Daniele Semeraro ([email protected])
6 Dicembre 2007
6 commenti
Report

Google? È una delle organizzazioni “meno trasparenti” del mondo. Parola di One World Trust, che ha stilato una classifica di organizzazioni intergovernative, non governative e transnazionali basata su affidabilità, trasparenza, partecipazione, valutazione e meccanismi di risposta ai problemi.

Ebbene, Google si è classificato all’ultimo posto, con 17 punti, per affidabilità e responsabilità verso i propri utenti. Al penultimo posto, l’Interpol con 22 punti. In cima alla lista, invece, General Electric con un punteggio di 65 per le compagnie multinazionali, Christian Aid per le organizzazioni non governative e il Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite, con un punteggio di 88 per cento, per le organizzazioni intergovernative. Una “bella botta” per il gigante della ricerca.


Google, che ha rifiutato di cooperare con i ricercatori, ha anche raggiunto zero punti nell’ambito della trasparenza, e ancora zero punti sulla capacità di valutazione di impatto ambientale e sociale. In pratica, tutto ciò che ha fatto scivolare Big G nel baratro è stata la sua politica sulla privacy, attraverso la quale Google raccoglie informazioni sugli utenti. “Questa politica – spiegano dalla One World Trust – non è giustificata da alcun buon principio”.

Infine, il motore di ricerca è stato criticato per non rendere disponibile alcun contatto telefonico o link per feedback all’interno del suo sito. Tra l’altro in molti abbiamo provato a contattare Google, magari per protestare contro la cancellazione immotivata di un account AdSense, e ci siamo trovati di fronte a un muro. Che ne pensate? Siete d’accordo o in disaccordo con questa particolare classifica?

Via | The Register
Categorie: Adsense, Google
Tags: Adsense,  classifiche,  Google, 
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Nuova interfaccia grafica per Google Adsense

Nuova interfaccia grafica per Google Adsense

Google Adsense è il miglior sistema di advertising attualmente disponibile online. Sono tanti i siti che lo utilizzano e sono altrettanti gli inserzionisti che ogni mese avviano nuove campagne pubblicitarie […]

In arrivo un nuovo tipo di pubblicità su YouTube

In arrivo un nuovo tipo di pubblicità su YouTube

Si preannunciano grandi novità per gli utenti di YouTube. Il capo esecutivo l’amministratore delegato di Google Eric Schmidt ha annunciato ieri ad un metting con gli azionisti che l’ azienda […]

Google AdSense modifica i termini e le condizioni del contratto con i clienti

Google AdSense modifica i termini e le condizioni del contratto con i clienti

Dopo più di due anni dall’ultimo aggiornamento, risalente al Novembre 2005, Google Adsense ha modificato alcuni termini e alcune condizioni del contratto con i propri clienti. La decisione è stata […]

Come Aumentare il CTR di AdSense

Come Aumentare il CTR di AdSense

AdSense è il sistema pubblicitario più geniale e funzionale mai realizzato. Arrivato dopo l’era dei banner, ne rappresenta l’evoluzione ed è ormai onnipresente. Inoltre è semplice da usare, è stato […]

La piaga dei falsi click sulle pubblicità e altre storie

La piaga dei falsi click sulle pubblicità e altre storie

Google AdSense, uno dei sistemi pubblicitari più diffusi sul web, perderebbe circa un miliardo di dollari americani ogni anno per falsi o invalidi click. E le aziende, che si affidano […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Manuel

    Verissimo

    6 Dic 2007, 12:19 pm Rispondi|Quota
  • #2igor the best

    d’accordo… google ha i suoi pregi e i suoi difetti…

    6 Dic 2007, 2:15 pm Rispondi|Quota
  • #3Giuseppe

    Anche nelle cose piu belle si nascondono le fregature

    6 Dic 2007, 4:27 pm Rispondi|Quota
  • #4sun

    Forse non conoscono la Telecom e tante altre nostre aziende. E comunque mi sembra un po’ esagerato definirla un’azienda da ultimo posto anche perchè il discorso sulla vera/finta privacy dei servizi web, è un discorso globale. Inoltre se non hanno telefoni diretti è forse solo perchè in proporzione al servizio “gratuito” i fruitori sono milioni e investire capitali per offrire un servizio gratuito in cui mi chiama peppino tutti i giorni perchè il suo sito non è stato preso “eppure l’ho pubblicato da 2 giorni” o “perchè il sito è in nona posizione, mentre fino a ieri ero in ottava” oppure “se cerco pinco lui mi da panco invece di palla, avete sbagliato” (è una traslazione di cavolate che ho vissuto sulla mia pelle). La domanda è: hanno litigato o non hanno pagato la mazzetta? Anche perchè per impatto ambientale secondo me fa più “monnezza” l’ONU di Google, anche e solo sulla base di un calcolo empirico, però magari sbaglio.

    7 Dic 2007, 7:09 am Rispondi|Quota
  • #5hugovincent

    quoto SUN

    8 Dic 2007, 5:21 pm Rispondi|Quota
  • #6kaliber

    Verissimo: google banna spesso e volentieri gli utenti adsense che hanno un sito di pochi accessi (300 giornalieri ca). Dimmi te!! Un webmaster che si vede bannato dopo aver raggiunto faticosamente i 100 Euro di Adsense…. -.-

    Verissimo anche poi di gmail e della privacy ad esso connessa eppure io uso gmail da tempo e devo dire che mi trovo benissino :sbonk:

    Ma la cosa che mi fa rivoltare è l’interesse di Google per Firefox…. Dio mio.. installi Firefox e ti vedi il focus della ricerca puntata su google -.- mi fa sbarellare cio’.. e poi firefox non segue affatto gli standard è stato solo strumentalizzato da Google.. vedi: “usa firefox che ti pago..” vedi explorerdestroyer, vedi i mille banner in giro per tutti i blog che ti dicono che Internet Explorer Fa schifo e di scaricare il ciccione di firefox -.-
    Io personalente non uso neppure IE, (opera rulez) ma quando vedo che google fa apposta a non rendere compatibile i suoi gingilli con opera…
    Recentemente gmail si è aggiornato con delle modifiche estetiche: che casualità IE7 è compatibile, Firefox risulta compatibile (che novità) ma Opera no!
    Eppure se volessimo fare una scala tra i tre browser, quello che segue piu’ gli standard è Opera, seguito da FF e infine IE…

    Provate a confrontare solo l’home page di gmail con IE7 e dopo con Opera.

    Odio google ma non riesco a fare a meno di gmail, menomale che esiste opera ^^

    8 Dic 2007, 7:11 pm Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Organizzazioni “trasparenti”? Google agli ultimi posti mondiali