Geekissimo

Larousse apre a internet la propria enciclopedia “contributiva”. Ma i contributi degli utenti saranno ben distinti da quelli degli “esperti”

 
Daniele Semeraro ([email protected])
15 Maggio 2008
1 commento
Larousse

Larousse, la famosa enciclopedia francese, approda online con il sito Larousse.fr. E si tratterà, secondo l’editore, della “prima enciclopedia contributiva”, dove i contributi del popolo del Web si affiancheranno a quelli degli “esperti” della famosa casa editrice francese. Anche se non si tratta, hanno tenuto bene a precisare i responsabili del sito, di un’enciclopedia come Wikipedia, ma di un ibrido: da una parte ci saranno i testi “ufficiali”, da un’altra, ben distinti, quelli inseriti dagli utenti.

L’enciclopedia, in francese, è gratuita e porta con sé una dote di circa 150mila voci, con 10mila tra foto, disegni e animazioni. Altra differenza rispetto a Wikipedia: chi vorrà contribuire all’enciclopedia dovrà essere identificato con il proprio nome e cognome, e rimarrà proprietario degli articoli che scrive. Inoltre, solo l’autore potrà modificare ciò che ha scritto. “La gente è sempre più abituata a questa situazione – ha spiegato Line Karoubi, vicedirettore del dipartimento dizionari ed enciclopedie di Larousse – e cioè a fare la differenza fra un articolo di riferimento e un punto di vista”.


Una mossa, dunque, in linea con le decisioni sempre prese da Larousse, del gruppo Hachette, che conta molto sulla sua immagine, sull’affidabilità e sui contributi di qualità. Per evitare “eventuali problemi”, i responsabili del sito hanno messo in blacklist circa duemila parole che apartengono a temi ritenuti sensibili: se queste parole saranno utilizzate in un articolo, interverrà un’equipe di moderatori a controllare i testi degli utenti.

Larousse, dunque, con un modo tutto suo va all’attacco di Wikipedia, fino ad ora abbastanza incontrastata nel settore delle enciclopedie online. Staremo a vedere come andrà a finire. C’è da dire che questa divisione tra contributi dell’enciclopedia e contributi dell’utente apparentemente sembra interessante e abbastanza innovativa, anche se – a mio giudizio – i contributi degli utenti vengono messi un po’ in secondo piano rispetto a quelli “ufficiali”; inoltre, per come siamo stati abituati fino ad ora, la scelta di non permettere la modifica degli articoli se non agli stessi creatori appare quanto meno anacronistica. Che ne pensate?
Categorie:
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Resident Evil 7 per PC, requisiti tecnici e consigliati

Resident Evil 7 per PC, requisiti tecnici e consigliati

Sono notizie di un certo peso quelle trapelate in queste ore per tutti coloro che sono interessati al download di un gioco attesissimo, come nel caso di Resident Evil 7. […]

Linkable, Pagina da usare come homepage per gestire al meglio i propri segnalibri

Linkable, Pagina da usare come homepage per gestire al meglio i propri segnalibri

Internet è un mondo fantastico, in cui trovare notizie aggiornate all’ultimo secondo, parlare con i propri amici in tempo reale, giocare, guardare video, ecc… Insomma, se si è dinnanzi ad […]

uQuery: il motore di ricerca per le applicazioni per iPhone ed iPod Touch!

uQuery: il motore di ricerca per le applicazioni per iPhone ed iPod Touch!

Con la nascita di search engines adatti ad un certo tipo di ricerche, a patto che essi siano ben sviluppati, possiamo sempre più dire addio, per questo genere di azioni, […]

Yahoo presenta il suo nuovo Messenger

Yahoo presenta il suo nuovo Messenger

Leggera, pulita, ordinata bella. Si presenta così la nuova interfaccia di Yahoo Messenger, quest’oggi giunto la versione 9 del suo ultimo client. Il Client Yahoo sviluppato e migliorato rispetto alle […]

AmpMode e Plorf: 2 nuovi servizi web 2.0 musicali per ascoltare e scaricare mp3 dalla rete!

AmpMode e Plorf: 2 nuovi servizi web 2.0 musicali per ascoltare e scaricare mp3 dalla rete!

Non raramente vi abbiamo presentato dei servizi web 2.0 “musicali”, ma quando vi abbiamo segnalato questi siti, l’abbiamo fatto molto spesso proponendo dei semplici motori di ricerca per canzoni, che […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Micheluzzo

    Beh in effetti… la parola “collaborativa” mi sembra proprio fuori luogo. Meglio Wikipedia, che è molto più democratica!

    15 Mag 2008, 9:32 am Rispondi|Quota