Geekissimo

Internet: arriva un corso per parlamentari. Servirà?

 
Andrea Guida (@naqern)
10 Marzo 2009
13 commenti

Internet e politica italiana, un binomio che -ahinoi – si sposa bene quanto quello tra un ovetto Kinder ed il brodo di pollo. Potrebbero cambiare le cose senza passare per un’impietosa selezione di stampo darwiniano? Chissà, intanto l’importante è che qualcuno ci creda e che stia per tentare la “grande impresa”.

L’istituto per le politiche dell’innovazione ha infatti promosso un corso sul pianeta Internet dedicato ai parlamentari. Si tratta di ben cinque seminari tematici che si terranno dal 18 Marzo al 21 Aprile a Roma, nei quali esperti italiani di internet e società dell’informazione tenteranno di istruire chi ci rappresenta (o, per meglio dire, dovrebbe farlo), nella speranza che ciò incentivi la nascita di leggi meno abominevoli nei confronti della grande rete rispetto a quelle finora partorite.


L’iniziativa è lodevole, non c’è che dire, ma per la moltitudine di cariatidi accomodate sugli scranni delle nostre Camere ci vorrebbero “cure” ben più drastiche di 5 seminari (ai quali parteciperanno tutti, ovviamente… ?). Insomma, in molti casi si tratta di istruire da zero delle persone che sanno a malapena inviare un fax (con l’aiuto di un assistente).

Non ci rimane che attendere qualche mese e “toccare con mano” i risultati di questa iniziativa. La tempistica esatta di questa “verifica” non sappiamo comunicarvela con precisione. Diciamo che sarà attuabile, orientativamente, in quei giorni in cui ci ritroveremo a parlare di un disegno di legge tematico scritto dal fratello scemo del pupazzo Gnappo in un momento di poca lucidità.

Voi che ne pensate? Questo corso sul pianeta Internet dedicato ai parlamentari servirà a qualcosa?
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Vuoi leggere più rapidamente del 300%? Prova Zap Reader!

Vuoi leggere più rapidamente del 300%? Prova Zap Reader!

Tralasciando l’attuazione di un po’ di “ginnastica mentale” , è possibile aumentare del 300% la propria velocità di lettura senza intaccare il grado di comprensione dei testi? Chissà, intanto qualcuno […]

Improvvisamente vi trovate migliaia di visitatori sul vostro sito? Non siete diventati più bravi, è la nuova versione dell’antivirus Avg

Improvvisamente vi trovate migliaia di visitatori sul vostro sito? Non siete diventati più bravi, è la nuova versione dell’antivirus Avg

La nuova versione dell’antivirus Avg, la 8, crea un falso traffico dati? È la tesi di un articolo dell’inglese Register, secondo cui gli analisti di rete del loro server hanno […]

Le follie degli utenti: cosa vogliamo di più di internet dai “poveri” provider?

Le follie degli utenti: cosa vogliamo di più di internet dai “poveri” provider?

Qualche giorno fa l’Ap ha pubblicato un interessante articolo passato un po’ inosservato, ma secondo me molto curioso. Si tratta delle pazze clausole che alcuni provider fanno firmare ai propri […]

Trovato il limite a Yahoo! Mail, l’ennesima sconfitta dei servizi illimitati

Trovato il limite a Yahoo! Mail, l’ennesima sconfitta dei servizi illimitati

Yahoo! Mail viene spacciato come un servizio con spazio di storage per archiviare le nostre email illimitato, sicuramente lo spazio messo a disposizione è tanto ma non è illimitato. Similmente […]

Il sito della AvSoft Technologies “hackerato”

Il sito della AvSoft Technologies “hackerato”

Un avviso a tutti i naviganti (sembro la signorina del 1530 ), il sito web della compagnia d’antivirus AvSoft Technologies è stato “hackerato”, defacciato, crackato ditelo come vi pare, ma […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1nIK

    e ora vai con le spese fittizie!
    Altri soldi rubati ai contribuenti!!

    Si sa per caso quanto costerà questo corso? già immagino cifre almeno a 5 zeri…e la frequenza poi ci sarà?

    mi sembra una spesa inutile…io quello che ho imparato l’ho imparato da me senza corsi di formazione o altra roba inutile…il migliori insegnante del web è il web stesso (riuscireste a trovare qualcosa di cui nn si parla, discute, erudisce, insegna, accenna su internet? io non ci sono mai riuscito, per fortuna!)

    Non c’è peggior alunno di quello che non vuole imparare!

    Politici datevi na mossa, almeno se ci fate spendere tutti sti soldi fateci fare na mezza, non dico intera, ma almeno mezza bella figura!

    10 Mar 2009, 10:41 am Rispondi|Quota
  • #2materasso

    Non servono a nulla questi corsi.
    È inutile girarci attorno, i nostri politici non sono degli ignoranti in buona fede, ma dei prestanome in malafede! (ultimo esempio la Carlucci che presenta un testo redatto dal presidente di Univideo!!!)
    Non fanno danni guidati da ignoranza, li fanno volutamente.
    Sanno benissimo cosa vogliono e lo fanno, in barba alla costituzione e alla carta dei diritti fondamentali dell’uomo.

    10 Mar 2009, 12:20 pm Rispondi|Quota
  • #3materasso

    Proporrei un esame su internet: se lo passi puoi legiferarci sopra, se no stai zitto.

    10 Mar 2009, 12:21 pm Rispondi|Quota
  • #4Mat

    @ materasso:
    quoto…

    Ma sta generazione di beoti quanto ci mette a schiattare?

    10 Mar 2009, 2:09 pm Rispondi|Quota
  • #5materasso

    @ Mat:
    Ma come, non lo sai che l’erba cattiva non muore mai?

    10 Mar 2009, 2:24 pm Rispondi|Quota
  • #6Andrea Guida (Naqern)

    @ nIK: purtroppo non saprei dirti la cifra esatta, ma spero vivamente ci sia un numero quantomai ristretto di zeri! Per il resto hai detto tutto tu. 🙂

    ciao

    10 Mar 2009, 3:30 pm Rispondi|Quota
  • #7Ernesto Belisario

    Il corso è un’iniziativa completamente gratuita e non ha un costo per nessuno.
    Si tratta di un contributo che l’Istituto per le Politiche dell’Innovazione e i relatori vogliono dare per contribuire a migliorare la qualità delle leggi italiane in materia di diritto delle nuove tecnologie.
    L’ottica è quella della condivisione dei saperi e delle esperienze per creare intorno alla rete la massima consapevolezza possibile 🙂

    10 Mar 2009, 6:40 pm Rispondi|Quota
  • #8mirkojax

    Si pero’ con Calderoli si risparmia, perche’ vorra’ il monitor a fosfori verdi.
    [Ma quante ne sooooooo]

    10 Mar 2009, 8:58 pm Rispondi|Quota
  • #9Andrea Guida (Naqern)

    @ mirkojax:hahaha, mitico Mirko! 🙂

    ciao

    10 Mar 2009, 10:13 pm Rispondi|Quota
  • #10Gian Piero Biancoli

    @ Ernesto Belisario

    Non esiste l’iniziativa completamente gratuita senza costi per nessuno.
    L’Istituto per le Politiche dell’Innovazione se ne assumerà l’onere, ma sempre soldi statali sono.
    Che la cosa vada fatta è un altro discorso, anche se non credo che 5 seminari servano a far prendere il polso della situazione internet a una classe politica ormai troppo arretrata con le nuove tecnologie e in un campo in cui l’attività continua è l’unico modo per mantenersi aggiornati.

    11 Mar 2009, 9:35 am Rispondi|Quota
  • #11Ernesto Belisario

    @ Gian Piero Biancoli:
    L’Istituto per le Politiche dell’Innovazione è un Ente “no profit” che non percepisce soldi o contributi da parte dello Stato o di altri enti pubblici, quindi l’iniziativa è a costo zero sia per i partecipanti sia per la collettività 😉
    Si tratta sicuramente di uno sforzo organizzativo per l’Istituto che speriamo possa dare buoni frutti in termini di politiche più consapevoli della rete e delle sue peculiarità.

    11 Mar 2009, 11:33 am Rispondi|Quota
  • #12Dag_01

    Se facessero anche 5 seminari tematici sul diritto e la giustizia ?

    -.-

    11 Mar 2009, 2:44 pm Rispondi|Quota
  • #13Oliver

    La mia opinione è: non puoi cavare niente dalla bocca di un muto. Ed ecco che i parlamentari sono i muti!

    11 Mar 2009, 7:36 pm Rispondi|Quota