Geekissimo

Yauba: dall’India il primo motore di ricerca anonimo!

 
Ferdinando Toscano
14 Marzo 2009
4 commenti

Yauba

Non raramente, su questo blog, ci è capitato di parlare dei molteplici e delicati aspetti legati alla privacy su internet, argomento molto interessante ma sicuramente difficile da trattare.

Anche oggi vorremmo parlare di questo topic, ma vorremmo farlo in maniera diversa, presentandovi quello che si definisce il primo motore di ricerca anonimo nel mondo: Yauba!

Yauba è un motore di ricerca che, seppur ricco di funzionalità e novità interessanti, promette ai suoi utenti di non registrare alcuna informazione personale, fosse pure involontariamente.


Basta leggere la Policy della Privacy per capire un po’ come ragionano gli sviluppatori del progetto: 9 parole, per dire che semplicemente nessun dato personale verrà conservato nei server del sito.

Questo ottimo search engine è oggettivamente molto completo: basterà digitare una parola per avere i suoi risultati presenti in rete, coadiuvati, tra le altre cose, anche da cinque collegamenti dai blog, cinque dai siti di social news, cinque risorse dalla sezione immagini, ed altrettante, via discorrendo, per quanto concerne video, file .PDF, file .DOC, e social network.

Ultima cosa, che rende questo servizio davvero innovativo, è la possibilità, inoltre, di poter navigare anonimamente nelle pagine trovate dal motore grazie ad un’ottima integrazione con dei proxy, che renderanno più lenta, ma anche più sicura, la nostra navigazione.

Un interessantissimo strumento per gli amanti della privacy, per coloro che credono che questa possa essere una soluzione efficace da adottare per difendere la propria persona da occhi e orecchie indiscreti.

Via | Ziipa

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Crea un messaggio sul web che si autodistrugge con Vanish

Crea un messaggio sul web che si autodistrugge con Vanish

Il web 2.0 ha portato una gran mole di dati personali sul web, accessibili in vari luoghi del web che ne rendono spesso impossibile il reale controllo e la possibilità […]

Zeadoo, servizio di communal web browsing tutto da scoprire!

Zeadoo, servizio di communal web browsing tutto da scoprire!

Ogni tanto vi suggeriamo servizi da poter scegliere come homepage. Quasi sempre sono motori di ricerca o siti polifunzionali che integrano anche funzionalità da search engines, e mai stanchi di […]

8 ottimi strumenti gratuiti per monitorare e proteggere i siti web

8 ottimi strumenti gratuiti per monitorare e proteggere i siti web

Chi gestisce un sito web o un blog lo sa benissimo: non c’è nulla di peggio che vedere la propria “creatura” off-line, magari per motivi sconosciuti e senza sapere da […]

Come migliorare le ricerche in Google con Customize Google

Come migliorare le ricerche in Google con Customize Google

Firefox e Google: un’accoppiata vincente. E se anche voi siete tra quelli che utilizzano il miglior motore di ricerca all’interno del miglior browser in circolazione, allora dovete assolutamente provare Customize […]

Cercare nel Web in modo assolutamente anonimo? Qualcosa inizia a muoversi

Cercare nel Web in modo assolutamente anonimo? Qualcosa inizia a muoversi

I motori di ricerca – probabilmente lo sapevate già – conservano tutte le tracce delle nostre richieste e dei siti Web visitati per circa 18 mesi. L’archivio comprende indirizzi Ip, […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Roberto

    Spero che prossimamente, parlereta anche del “primo e unico motore di ricerca approvato dall’UE”, Ixquick :
    http://eu.ixquick.com/ita/protect_privacy.html

    14 Mar 2009, 2:58 pm Rispondi|Quota
  • #2pegaso

    Interessante come motore di ricerca, ma quello segnalato da Roberto secondo me è strutturato meglio ed è pure in italiano.

    Grazie Roberto 😉

    14 Mar 2009, 7:39 pm Rispondi|Quota
  • #3Sciamano

    Ma la domanda è “che cosa ha la gente da nascondere?”
    che un tecnico google o la polizia postale veda il mio ip o indirizzo di casa non mi frega, mi preoccupo che invece ce chi usa strumenti di anonimato sia il pedofilo o l’hacker che punta a creare problemi.

    15 Mar 2009, 2:24 am Rispondi|Quota
  • #4pegaso

    Non è che tu debba avere qualcosa da nascondere.
    Il fatto è che registrando cosa tu cerchi nell’web e altri dati, possono riempirti di spam e non solo.

    15 Mar 2009, 1:00 pm Rispondi|Quota