Geekissimo

Il gioco anti-iPhone è stato escluso dall’App Store

 
Martina Oliva
15 Settembre 2011
5 commenti

Phone Story gioco anti-IPhone

L’app oggetto dell’attenzione è Phone Story, un gioco prodotto da Molleindustria disponibile per device dotati di OS Android e, originariamente, anche per iOS ma, considerando i recenti avvenimenti, la situazione sembrerebbe essere notevolmente cambiata.

Infatti, nelle ultime ore, Apple ha provveduto a rimuovere l’applicazione dell’App store scatenando non poche critiche da parte della vasta utenza e, ovviamente, anche degli sviluppatori di Phone Story.

Attualmente non vige alcuna regola in base alla quale un app di questo tipo debba essere esclusa dall’App Store ma di certo non è poi così difficile immaginare che un gioco che spinge l’utente a riflettere sull’impatto negativo che i più recenti prodotti Hi-Tech, iPhone incluso, possano avere sull’ambiente non venga visto di buon grado.


Phone Story, infatti, pone come obiettivo, così come dichiarato dagli stessi sviluppatori dell’app, proprio quello di portare l’utente a riflettere circa la preoccupante catena di fornitura estesa in tutto il mondo e mediante cui diviene poi possibile realizzare tanto l’iPhone quanto altri device mobile e gadget tecnologici.

Tutti i ricavi del gioco, venduto su App Store ad un prezzo pari a 0,99 €, sarebbero poi stati destinati alle organizzazioni impegnate nel cercare di rendere l’elettronica di consumo tanto etica quanto sostenibile.

La rimozione di Phone Story dall’App Store, quindi, appare scorretta e non giustificabile, o quantomeno non in base a quelle che sono le regole dettate dalla stessa Apple.

Phone Story, allo stato attuale delle cose, resta comunque disponibile per device dotati di OS Android e può essere scaricato dall’Android Market ad un prezzo pari a 0,73 €.

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Apple, scuse per i disservizi su iTunes e App Store

Apple, scuse per i disservizi su iTunes e App Store

Nel corso della giornata di ieri i negozi virtuali di Apple, quali iTunes, App Store, Mac App Store e iBookstore, sono andati incontro ad un fastidioso disservizio che ha impedito […]

App Store, oltre 1 milione di app pubblicate

App Store, oltre 1 milione di app pubblicate

Su App Store Store sono poco più di 700 mila ma dal luglio del 2008 sino ad oggi sono state pubblicate oltre 1 milione di app,  una cifra questa decisamente […]

Google Maps potrebbe non arrivare mai su App Store

Google Maps potrebbe non arrivare mai su App Store

Con il lancio di iOS 6, la nuova versione del sistema operativo mobile per device Apple, ha avuto origine la spinosa questione mappe che pur essendo stata chiusa (?) con […]

Apple dice no a Drones+ su App Store

Apple dice no a Drones+ su App Store

L’applicazione presente su App Store finita nell’occhio del ciclone è quella che prende il nome di Drones+, una risorsa resa disponibile dal giovane sviluppatore newyorchese Josh Begley che pone come […]

Top 10 giochi 2010 per iPhone, iPod Touch e iPad

Top 10 giochi 2010 per iPhone, iPod Touch e iPad

I giochi scaricati ed acquistati su App store sono veramente tantissimi, possiamo trovarne di fantastici e di mediocri, ma sicuramente la possibilità di scelta non manca. In quest’articolo vengono elencati […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Jacopo

    Mossa assolutamente sbagliata, si è appena ritirato Jobs e già succedono ste cose?

    15 Set 2011, 10:06 am Rispondi|Quota
  • #2Alberto Paolucci

    Apple approva lo sfruttamento di poveri lavoratori asiatici per la produzione dei loro iCosi.

    Ma… sbaglio o anche gli altri smartphone vengono prodotti in Asia in ambienti simil-Foxconn, se Apple si prodiga di rimuovere un'applicazione che vuole far riflettere sul lavoro che sta dietro alla produzione degli apparecchi di elettronica di consumo che devono fare le altre case produttrici? Se non sbaglio non solo Apple si rivolge alla Foxconn e se anche non si rivolgessero lì, chissà quante altre fabbriche, non solo in CIna, ma in tutta l'asia orientale esistono come la Foxconn.
    Non ho parole… non dico che così non va bene, so che il portatile con cui sto scrivendo unito a tanti altri apparecchi elettronici che io possiedo saranno stati assemblati in Asia in queste fabbriche in cui il lavoro è al limite dello sfruttamento e bisogna almeno far capire agli utenti dell'elettronica di consumo almeno cosa sta dietro quello che loro possiedono .-.

    15 Set 2011, 11:30 am Rispondi|Quota
  • #3Alessio

    L'ennesimo Fail di Apple….

    15 Set 2011, 12:18 pm Rispondi|Quota
  • #4LoGnomo

    Maledetti!!

    15 Set 2011, 12:36 pm Rispondi|Quota
  • #5andrea

    ogni giorno che passa si dimostrano dei dittatori fascisti..

    15 Set 2011, 3:16 pm Rispondi|Quota