Geekissimo

Presentata una nuova proposta di “legge-bavaglio” per il Web

 
Andrea Guida (@naqern)
22 Maggio 2013
4 commenti

Legge bavaglio Internet

A sei mesi dall’ultimo grido d’allarme, siamo costretti a registrare un nuovo tentativo da parte dei parlamentari italiani di introdurre una legge-bavaglio per il Web. L’On. Pino Pisicchio del Gruppo Misto ha presentato un disegno di legge per modificare la vecchia legge sulla diffamazione a mezzo stampa (8 febbraio 1948, n. 47) nel quale viene eliminato il rischio di carcere per i giornalisti – e di questo ne saremmo tutti lieti – ma al contempo vengono estese al Web le regole che valgono per le testate cartacee.


Il testo del DDL prevede ammende da 5.000 a 10.000 euro e l’ormai famigerato obbligo di rettifica entro 48 ore per tutti i prodotti editoriali, categoria nella quale rientrano anche i siti Internet. Come fa notare l’avvocato Guido Scorza sul Fatto Quotidiano, infatti, per prodotto editoriale “si intende il prodotto realizzato su supporto cartaceo, ivi compreso il libro, o su supporto informatico, destinato alla pubblicazione o, comunque, alla diffusione di informazioni presso il pubblico con ogni mezzo, anche elettronico, o attraverso la radiodiffusione sonora o televisiva, con esclusione dei prodotti discografici o cinematografici”.

Alla luce di ciò, anche i più piccoli blog indipendenti, spesso mantenuti senza alcuna retribuzione, verrebbero accomunati alle grosse testate registrate e praticamente forzati alla registrazione in tribunale (con conseguente nomina di un direttore responsabile, giornalista, salvo eccezioni). Insomma, un vero e proprio caos.

La proposta di legge dell’On. Pisicchio dovrebbe essere discussa in Parlamento nei prossimi giorni, speriamo che l’opinione pubblica riesca a far sentire la sua voce e che almeno stavolta i politici italiani riescano a partorire una legge sulla diffamazione a mezzo stampa degna di essere chiamata tale nel 21° secolo. Vi terremo aggiornati sulla questione.

[Photo Credits | agenziami]

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Legge-bavaglio per il Web: ci risiamo, ancora una volta

Legge-bavaglio per il Web: ci risiamo, ancora una volta

A pochi giorni dalla proposta di legge firmata dall’On. Pino Pisicchio, incredibile per un Paese normale ma vero, siamo di nuovo qui a parlare di bavaglio per Internet e di […]

Legge bavaglio, stop e rinvio in commissione

Legge bavaglio, stop e rinvio in commissione

Nella giornata di ieri, in seguito alle dimissioni della relatrice del Pd Silvia Della Monicail, il Senato ha rispedito in commissione Giustizia il ddl sul reato di diffamazione a mezzo […]

Oggi si vota la legge bavaglio per i blog, anche Wikipedia protesta

Oggi si vota la legge bavaglio per i blog, anche Wikipedia protesta

Oggi il Senato dovrebbe esprimere il suo giudizio definitivo sulla cosiddetta legge bavaglio, una norma realizzata sull’onda emotiva del caso Sallusti (il direttore del quotidiano Il Giornale condannato a 14 […]

Norma “ammazza blog”, obbligo di rettifica solo per testate registrate

Norma “ammazza blog”, obbligo di rettifica solo per testate registrate

FLASH NEWS – Apprendiamo dal sito di Repubblica che la norma ammazza blog è passata ma è stata ristretta alle sole testate registrate. Avranno obbligo di rettificare entro 48 ore solo […]

Anche Wikipedia minacciata dalla norma “ammazza blog”

Anche Wikipedia minacciata dalla norma “ammazza blog”

La norma “ammazza blog” recentemente riesumata e riproposta dal Governo Berlusconi nel DDL sulle intercettazioni non smette di far paura. Lo scellerato provvedimento che equipara i blog personali alle testate registrate, […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Carlo

    Come al solito non hanno abbastanza da fare per pensare alle cose serie.

    22 Mag 2013, 4:14 pm Rispondi|Quota
  • #2FabMilan

    Il “Lavoro” non è la priorità, bensì il bavaglio al web. A me sta anche bene, ma PRIMA:

    1. Carcere a chi ruba, via la protezione ai Senatori e compagnia brutta.
    2. Carcere per i politici che sparano caxxate (e qui si svuota il parlamento).
    3. Carcere a chi froda, restituzione totale dell’ammanco e multa il doppio dell’ammontare rubato, anche per i politici.
    4. Multa pari al doppio del totale dei fondi neri creati dalle aziende.
    5. Multa pari al doppio del totale ai corrotti e ai corruttori.
    6. Impossibilità ai collusi di essere eletti, decadimento della carica in corso ai condannati, in automatico senza bisogno di approvazione del Parlamento/Camera.
    7. BASTA regole, ormai siamo senza politici…
    🙂

    22 Mag 2013, 4:48 pm Rispondi|Quota
  • #3TheQ.

    In pratica siamo come la Cina, ma senza il PIL cinese… bella melda…

    22 Mag 2013, 10:26 pm Rispondi|Quota
    • #4Carlo

      @TheQ.: Come non darti ragione :/

      22 Mag 2013, 11:15 pm Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Legge-bavaglio per il Web: ci risiamo, ancora una volta | Crazyworlds