Geekissimo

Legge-bavaglio per il Web: ci risiamo, ancora una volta

 
Andrea Guida (@naqern)
5 Giugno 2013
4 commenti

ddl Ammazza-Internet

A pochi giorni dalla proposta di legge firmata dall’On. Pino Pisicchio, incredibile per un Paese normale ma vero, siamo di nuovo qui a parlare di bavaglio per Internet e di rischi di censura dietro l’angolo. Questa volta l’allarme per la Rete italiana parte da un ddl redatto appena una settimana dopo quello di Pisicchio dall’On. Enrico Costa (PdL), nel quale ritroviamo tutti gli elementi che avevano fatto gridare – giustamente – allo scandalo in passato: dall’obbligo di registrare blog, siti e forum presso un tribunale (come delle importanti testate cartacee) al rischio di multe salatissime in caso di mancata rettifica per un articolo ritenuto diffamatorio da una delle parti in causa.


La chicca, che non tutti forse hanno colto nel marasma generale, è che la normativa prevista in questi disegni di legge tenta di applicare al Web delle leggi adottate nel 1948, e ribadiamo 1948, per la carta stampata. Basterebbe questo per gettarsi in terra in preda ad un riso disperato, ma c’è addirittura di più.

Come riporta l’Avv. Guido Scorza sul Fatto Quotidiano, Costa intervistato telefonicamente appena tre giorni dopo la presentazione della sua proposta-bavaglio, il 16 maggio scorso dunque, si è detto contrario alla norma ammazza-blog contenuta nel vecchio ddl Alfano sulle intercettazioni telefoniche, la quale estenderebbe anche ai blog l’obbligo di rettifica previsto per i giornali.

Insomma, le possibili soluzioni al Rebus sono due: o i nostri politici sono talmente impegnati da non avere nemmeno il tempo di leggere ciò che firmano e propongono all’attenzione delle aule parlamentari o, mossi dalla loro innata fame di consensi, dicono una cosa in pubblico per poi farne un’altra nelle stanze del potere.

Lasciamo a voi qualsiasi forma di giudizio, noi intanto aspettiamo il responso che la Commissione Giustizia dovrebbe dare su questi incommentabili disegni di legge nel corso dei prossimi giorni.

[Photo Credits | Agenziami]

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Presentata una nuova proposta di “legge-bavaglio” per il Web

Presentata una nuova proposta di “legge-bavaglio” per il Web

A sei mesi dall’ultimo grido d’allarme, siamo costretti a registrare un nuovo tentativo da parte dei parlamentari italiani di introdurre una legge-bavaglio per il Web. L’On. Pino Pisicchio del Gruppo […]

Legge bavaglio, stop e rinvio in commissione

Legge bavaglio, stop e rinvio in commissione

Nella giornata di ieri, in seguito alle dimissioni della relatrice del Pd Silvia Della Monicail, il Senato ha rispedito in commissione Giustizia il ddl sul reato di diffamazione a mezzo […]

Oggi si vota la legge bavaglio per i blog, anche Wikipedia protesta

Oggi si vota la legge bavaglio per i blog, anche Wikipedia protesta

Oggi il Senato dovrebbe esprimere il suo giudizio definitivo sulla cosiddetta legge bavaglio, una norma realizzata sull’onda emotiva del caso Sallusti (il direttore del quotidiano Il Giornale condannato a 14 […]

Pirateria online, l’AGCOM passa la palla al Parlamento

Pirateria online, l’AGCOM passa la palla al Parlamento

Il Presidente dell’Autorità garante delle comunicazioni, Corrado Calabrò, ieri è stato ascoltato dalle commissioni cultura e lavori pubblici del Senato per chiarire la posizione dell’Agcom sul tema del contrasto alla […]

Anche Wikipedia minacciata dalla norma “ammazza blog”

Anche Wikipedia minacciata dalla norma “ammazza blog”

La norma “ammazza blog” recentemente riesumata e riproposta dal Governo Berlusconi nel DDL sulle intercettazioni non smette di far paura. Lo scellerato provvedimento che equipara i blog personali alle testate registrate, […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1QUINTO AVRELIO

    eeeeh…..quando si parla DI VERITA’….TUTTI tremano…..da’ fastidio vero? 😉

    5 Giu 2013, 11:06 am Rispondi|Quota
  • #2Beppe

    […]La chicca, che non tutti forse hanno colto nel marasma generale, è che la normativa prevista in questi disegni di legge tenta di applicare al Web delle leggi adottate nel 1948, e ribadiamo 1948, per la carta stampata. Basterebbe questo per gettarsi in terra in preda ad un riso disperato, ma c’è addirittura di più.[…]

    Io invece mi butto a terra per ridere di questa affermazione… Se una norma è giusta per la carta stampata non può esserlo per il web? E’ automatico?

    La diffamazione è perfino più grave della diffamazione su carta stampata, perchè ha modo di diffondersi molto più velocemente e in modo virale…
    Chi legge un giornale stampato in genere è un lettore abituale di quella testata, perciò dopo la diffamazione è facile che legga la rettifica, mentre chi naviga sul web può leggere notizie diffamatorie da blog che normalmente non frequenta, perciò è difficile che poi legga l’eventuale rettifica…

    Ben venga qualche norma che punisca chi approfitta del web per diffondere notizie false o diffamazioni!

    5 Giu 2013, 1:04 pm Rispondi|Quota
    • #3FabioMi

      I nostri parlamentari sono come di la parola “parlamentano” molto, ma partoriscono nulla di concreto… Legge sul Lavoro? Non serve; recuperare credibilità? chissene (anche il Burundi è su altri livelli rispetto a noi); matrimoni mosti e m. omosex? qui ah ah ah… E via di questo spasso. Do ragione a Grillo solo su una cosa: mertitamo davvero di andare aff….ulo questo è certo.
      Nessuno chiede miracoli, ma piccoli passi in un Paese che si vuole considerare civile devono essere pretesi da tutti, in primis dai politici stessi. L’unica cosa che a loro interessa è invece romper le baxxe a tutti in maniera sacrosanta e intascare la diaria. Ende…

      5 Giu 2013, 10:03 pm Rispondi|Quota
  • #4TheQ.

    Si sta come in Cina, ma senza il PIL > 8%…

    5 Giu 2013, 10:10 pm Rispondi|Quota