Geekissimo

Copia privata, nuovo aumento dei prezzi all’orizzonte

 
Andrea Guida (@naqern)
1 Aprile 2014
5 commenti

Franceschini

Purtroppo ci tocca parlare nuovamente di possibili aumenti sui prezzi di smartphone, tablet, hard disk e qualsiasi altro dispositivo atto a ospitare copie di film o opere musicali. Il motivo è, come facilmente intuibile, quella tassa denominata equo compenso, attraverso la quale le associazioni degli autori, come l’italiana SIAE, ricevono una sorta di indennizzo per i mancati introiti causati dalle copie che gli utenti farebbero delle opere acquistate regolarmente.


La tassa è presente in 23 paesi dell’Unione Europea ma in Italia è fra le più salate, con seri rischi di un ulteriore aumento. Eh, già. Sembra infatti che il nuovo ministro per i beni e le attività culturali, Dario Franceschini, a cui spetta l’onere di trattare la materia, non voglia proseguire sulla strada tracciata dal suo predecessore, Massimo Bray, e sia prossimo a cedere alle pressioni della SIAE.

Bray, come forse ricorderete, a inizio anno decise di non applicare alcuna maggiorazione automatica all’equo compenso optando per un sano monitoraggio della situazione per capire con esattezza se e quali dispositivi/supporti i consumatori usassero per effettuare copie private di opere protette da copyright.

Ebbene, secondo quanto riporta Guido Scorza sul Fatto Quotidiano, il ministro Franceschini avrebbe intenzione di non rendere pubblici i risultati della ricerca e tornare alla vecchia pratica di aumento “cieco” dell’equo compenso. Si rischia così un salasso da 200 milioni di euro che, essendo completamente a carico dei consumatori, specie in periodo di crisi come questo, rischia di deprimere anche un mercato piuttosto vivace come quello tecnologico.

Per ora non sono emersi ulteriori dettagli, né ci sono note ufficiali dal ministero. Speriamo ci sia ancora qualche spiraglio per il buonsenso e la ripresa di un cammino che, una volta tanto, sembrava avviato con criteri sani.

[Photo Credits | Luca Sartoni]

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Big Data e politica, quando i candidati diventano social

Big Data e politica, quando i candidati diventano social

Uno studio condotto da I Say Data mette ben in evidenza quanto i Big Data siano ormai estremamente importanti e quanto social siano le elezioni amministrative a Roma.

Equo compenso: il Ministro vuole l’aumento dei prezzi (a dispetto dei sondaggi)

Equo compenso: il Ministro vuole l’aumento dei prezzi (a dispetto dei sondaggi)

Ricordate il sondaggio ordinato dall’allora Ministro per i Beni Culturali, Massimo Bray, per indagare sulle abitudini degli italiani circa la creazione di copie private per film, album musicali e altre […]

Equo compenso: i prezzi di hard disk, DVD e PC non saliranno (almeno per ora)

Equo compenso: i prezzi di hard disk, DVD e PC non saliranno (almeno per ora)

Pericolo scampato, almeno per ora, sul fronte dell’equo compenso. Nonostante le pressioni della SIAE, la somma che tutti noi paghiamo come “indennizzo” ai titolari dei diritti d’autore ogni volta che […]

Web tax approvata dalla commissione Bilancio della Camera: chi vuole far scappare Google?

Web tax approvata dalla commissione Bilancio della Camera: chi vuole far scappare Google?

“Pagare le tasse è una cosa bellissima”, disse qualche anno fa un Ministro dell’economia ora scomparso. Sarà, ma qui nessuno ha voglia di pagare le tasse: né noi comuni mortali […]

Alle 14.30 diretta liveblogging su Politicalive.com, partecipa e commenta anche tu con noi!

Alle 14.30 diretta liveblogging su Politicalive.com, partecipa e commenta anche tu con noi!

50 milioni di italiani al voto, 630 seggi alla Camera e 315 al Senato da assegnare, decine di province e comuni da ripartire. Ecco in breve i numeri che oggi […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Fabrizio

    Colpa di chi scarica illegalmente e fa uso/diffonde materiale pirata.

    1 Apr 2014, 11:10 am Rispondi|Quota
  • #2Leiladà

    @Fabrizio: Stupidaggini, è come se volessi comprare un’automobile e ti costringessero a pagarla di più xkè per fare le rapine usano le auto, tu che non compi alcun reato paghi una “multa” perchè compri un mezzo con cui altri compiono dei reati, è una cosa da matti altro chè… Per quanto mi riguarda è un furto legalizzato.

    1 Apr 2014, 11:56 am Rispondi|Quota
  • #3steve

    Bravi. Continuate così. Altro che se diminuirà la pirateria. Bravi bravi…

    1 Apr 2014, 12:51 pm Rispondi|Quota
  • #4Mirko

    La SIAE è una dei tanti tentacoli dello stato mafioso , nulla a che fare con la difesa dei diritti d’autore ma piuttosto un ennesimo furto a vantaggio di pochi autori . Un ottimo motivo per andare a far spesa a San Marino .

    1 Apr 2014, 2:54 pm Rispondi|Quota
  • #5Nopnop

    Visto che molti politici sono stati o sono coinvolti in scandali finanziari, brogli e associazioni mafiose propongo un anno di galera per tutti loro.
    Aumentano l’equo compenso? vuol dire che inizierò a scaricare e farmi copie pirata di film, software e giochi…..tanto pago l’equo compenso

    2 Apr 2014, 8:19 am Rispondi|Quota