Geekissimo

Studiare online is the new black

 
Antonio Mele
24 Settembre 2020
0 commenti

Una cosa è certa nella vita di ognuno: il nero sta bene con tutto. Tranne che con il blu, lì ci sono scuole di pensiero differenti, c’è chi dice che è assolutamente vietato abbinare i due colori e chi invece ritiene sia estremamente elegante e di tendenza. Una volta assodato ciò, una serie TV ha scardinato le nostre certezze, facendo diventare l’arancione il nuovo nero; per chi non avesse capito, si tratta di Orange is the new black, titolo ironico per una storia ambientata in un carcere femminile, dove le nuove arrivate sono – appunto – vestite di arancione.

Studiare online

Studiare online

In quest’ultimo anno è arrivato il Coronavirus a confondere ancora di più le acque e oggi studiare online is the new black. In che senso? Nel senso che fa davvero tendenza! Anche se sono già diversi anni che è possibile seguire i corsi e studiare dal proprio divano grazie agli atenei online, come l’Università Telematica Niccolò Cusano, solo con l’obbligo di rimanere a casa questo tipo di studio è stato sdoganato e rivalutato: prima non era visto di buon occhio dall’Accademia. Se ancora non sei sicuro di voler studiare online, puoi chiedere a chi ha frequentato questi corsi alcune opinioni sulle università telematiche!

Perché scegliere una laurea online? I motivi sono tantissimi, da quelli logistici alla comodità, per migliorare la propria situazione lavorativa avendo poco tempo a disposizione, ma ognuno potrà trovare il suo. Perché scegliere una laurea online? Sicuramente l’Università è anche scambio e confronto, però a volte è materialmente impossibile seguire i corsi in Facoltà o sostenere i ritmi di un ateneo tradizionale: una volta valutate le proprie esigenze e necessità, possiamo scegliere di seguire l’Università online per semplificarci la vita non trascurando la propria formazione. Vediamo qualche pro e contro di questa scelta.

I pro

  • Accessibilità. Non andremo incontro al numero chiuso, non dovremo affrontare test di ingresso, ma soprattutto non saremo vincolati da scadenze strette e irrevocabili per le iscrizioni. Dimentichiamo la burocrazia per concentrarci solo sul nostro studio.
  • Flessibilità. Forse questo è il pro che fa pendere l’ago della bilancia di molti verso l’Università Telematica. Le lezioni sono disponibili h24, per cui possono essere seguite nel momento che preferiamo, da casa o ovunque ci troviamo.
  • Rapporto con tutor, docenti e segreteria. Sembra un paradosso dato che non c’è vicinanza fisica, ma nell’Università Telematica sono più semplici da gestire: saremo svincolati da orari, file da rispettare, ma soprattutto – essendo il web l’unico modo di comunicazione – risulta piuttosto efficace.

I contro

  • Contatto con i colleghi. Sicuramente lo scambio interpersonale non è semplice, nonostante ci siano strumenti di aggregazione telematica come gruppi di facebook. Sicuramente non ne sentiranno troppo la mancanza gli studenti lavoratori che sono un po’ più avanti con gli anni e si iscrivono all’Università Telematica per migliorare la propria posizione o per questioni personali.
  • Lifestyle universitario. Sicuramente frequentare l’Università tradizionale ha tutto un background di esperienze di vita che non tutti sono disposti a perdere: feste, coinquilini, aperitivi, eventi serali.

Nè pro e nè contro è la retta annuale: infatti, sebbene sia più alta – ma non di molto – rispetto a un ateneo tradizionale, ci consente di risparmiare molto tra affitto in un’altra città, abbonamento ai mezzi pubblici o carburante e usura per il proprio mezzo privato. Eviteremo di spendere anche per i libri di testo, che non dovremo più acquistare perchè ci verranno forniti online dai docenti.

Categorie: web 3.0
Tags: studio, 
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Focus sulla truffa della busta verde: coinvolte le Poste Italiane

Focus sulla truffa della busta verde: coinvolte le Poste Italiane

Sta girando molto la truffa della busta verde, con relativo coinvolgimento delle Poste Italiane

Patent troll: negli USA costa 29 miliardi di dollari all’anno

Patent troll: negli USA costa 29 miliardi di dollari all’anno

Sul fatto che il “patent trolling” fosse fastidioso ed insidioso vi erano ben pochi dubbi, così come anche che fosse particolarmente dispendioso per il sistema e per le aziende ma […]

Google Chrome: il browser web più utilizzato per un giorno

Google Chrome: il browser web più utilizzato per un giorno

Durante il weekend oramai trascorso Google Chrome ha superato l’incontrastato, o quasi, predominio di Internet Explorer divenendo quindi il browser web più utilizzato al mondo ma, attenzione, soltanto per un […]

La dipendenza da internet causa modifiche al cervello, lo dimostra un nuovo studio

La dipendenza da internet causa modifiche al cervello, lo dimostra un nuovo studio

Che “il troppo stroppia” è oramai cosa ben risaputa e consolidata tanto quanto il vecchio detto ma a confermarne la sua veridicità anche relativamente al World Wide Web o, molto […]

Web semantico, Yahoo!, e il miraggio del Web 3.0

Web semantico, Yahoo!, e il miraggio del Web 3.0

Fino ad ora abbiamo parlato continuamente di Web 2.0, di quell’insieme di tecnologie che hanno reso il web il frutto della completa interazione tra utente e contenuti, una rivoluzione che […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento