Geekissimo

riservatezza

riservatezza

Cryptome: ovvero come le forze dell’ordine riescono a farsi consegnare i dati degli utenti

Pubblicato il 30/11/2011 di: Martina Oliva 3 commenti
Cryptome: ovvero come le forze dell’ordine riescono a farsi consegnare i dati degli utenti

Da un bel po’ di mesi a questa parte si è parlato molto di Wikileaks e di tutto quanto ad esso connesso ma ben poca rilevanza, invece, è stata data a Cryptome, un sito web dalle azioni analoghe, creato da John […]Continua a leggere

Jpg+FileBinder, nascondere file all’interno di immagini

Pubblicato il 31/05/2010 di: Angelo Iasevoli 6 commenti
Jpg+FileBinder, nascondere file all’interno di immagini

Tra noi geek si nasconde di certo qualcuno che ha la mania per la riservatezza, per il non voler mostrare le nostre cose ad altre persone. Non mi sto riferendo per l’ennesima volta alla fuga di informazioni causata da facebook, […]Continua a leggere

Discussione: Internet e la Privacy!

Pubblicato il 05/10/2008 di: Ferdinando Toscano 6 commenti
Discussione: Internet e la Privacy!

Oggi è domenica, ed essendo questo un giorno diverso dagli altri spesso ci capita di fare cose diverse da quelle che facciamo gli altri giorni. Una piccola parentesi del genere può essere fatta, perché no, anche su Geekissimo. Geekissimo non […]Continua a leggere

La home-page di Google è illegale?

Pubblicato il 06/06/2008 di: Daniele Semeraro ([email protected]) 3 commenti
La home-page di Google è illegale?

Guai giudiziari per Google, accusata di violare le leggi californiane a causa della sua riluttanza ad inserire direttamente nella home page un link alla pagina della politica sulla privacy. “A Google è stato chiesto di inserire la parola privacy, una […]Continua a leggere

“Gli indirizzi Ip devono essere considerati dei dati personali”. Parola del commissario europeo

Pubblicato il 23/01/2008 di: Daniele Semeraro ([email protected]) 7 commenti
“Gli indirizzi Ip devono essere considerati dei dati personali”. Parola del commissario europeo

Gli indirizzi Ip, le classiche stringhe di numeri del tipo 194.20.345.233 (ho scritto un indirizzo a caso) che identificano i computer sulla rete, dovrebbero essere considerati alla stregua dei dati personali (un po’ come l’indirizzo o il numero di telefono). […]Continua a leggere