Geekissimo

Myanmar alla ribalta internazionale grazie alla rete. E ora?

 
Daniele Semeraro ([email protected])
30 Settembre 2007
7 commenti

La scia di sangue che sta accompagnando la durissima repressione del governo birmano (pardon, del Myanmar) contro le migliaia di persone scese in strada per chiedere maggiore democrazia è stata accompagnata anche, come tutti sapete, da un totale oscuramento dei canali tradizionali d’informazione. Oltre alla “caccia al giornalista” (che ha portato, tra le altre cose, all’uccisione di un fotoreporter), la rete, i blog e le nuove tecnologie si sono rivelati fondamentali, forse per la prima volta, per far uscire dal Paese informazioni sulla tragedia che, altrimenti, non avremmo mai potuto avere.

Da ieri però, purtroppo, è impossibile connettersi a internet praticamente da ogni parte del Myanmar “a causa della rottura di un cavo sottomarino”, spiega il governo (ma sappiamo tutti che non è così). La strategia governativa, infatti, punta a non fare uscire dai confini nazionali informazioni sugli scontri e sulle migliaia di persone imprigionate e pestate a sangue (se non uccise).


I blog aggiornati in tempo reale dal paese asiatico e dagli stati confinanti sono sempre meno, ma comunque alcuni di essi continuano a funzionare e trasmettere informazioni importantissime. E se far uscire notizie dai confini è sempre più difficile, arriva una novità dal cielo: i satelliti geostazionari (quelli che fanno le fotografie per Google Earth, ad esempio) stanno mandando a Terra informazioni utili a capire la vastità degli scontri e della distruzione.

Dalle immagini, in particolare, è possibile notare la sparizione di villaggi interi, il rafforzamento delle strutture e delle presenze militari ai confini del paese, nonché anche la violazione (sono stati registrati oltre settanta casi) dei diritti umani. Internet e le nuove tecnologie, dunque, anche se parzialmente oscurati si stanno rivelando ancora una volta (come già successo in Darfur) vitali per portare a conoscenza dell’opinione pubblica notizie che altrimenti non sarebbero mai arrivate.
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Economia, sicurezza e privacy: il 41% delle grandi aziende ha addetti che monitorano tutta la posta elettronica e gli altri dati personali degli impiegati

Economia, sicurezza e privacy: il 41% delle grandi aziende ha addetti che monitorano tutta la posta elettronica e gli altri dati personali degli impiegati

Lo spionaggio di segreti tra le aziende esiste da sempre. Ma probabilmente la tecnologia ha aumentato i rischi, per le aziende, di perdere dati anche per colpa dei propri stessi […]

Usa, un disegno di legge per rendere illegale il posting anonimo in internet

Usa, un disegno di legge per rendere illegale il posting anonimo in internet

Non preoccupatevi: per il momento, almeno in Italia, l’anonimato di chi utilizza internet non è a rischio. Ma forse negli Stati Uniti un pochino lo è. Un politico del Kentucky […]

I blog? Sono meglio dei siti statici, ecco perché

I blog? Sono meglio dei siti statici, ecco perché

Se state per creare uno spazio web per voi o la vostra azienda, sarete sicuramente impelagati in uno dei dilemmi tecnologici più assidui degli ultimi anni: “faccio un normale sito […]

I migliori 80 siti dove trovare immagini liberamente utilizzabili

I migliori 80 siti dove trovare immagini liberamente utilizzabili

Se lavorate con la grafica o gestite un sito/blog, sarete sicuramente spesso alla ricerca di immagini non espressamente coperte da copyright da poter utilizzare all’interno dei vostri progetti e, benché […]

10 semplici consigli per ottimizzare il lavoro di blogger

10 semplici consigli per ottimizzare il lavoro di blogger

Chiunque gestisca uno o più blog, sa sicuramente quanto è difficile ottimizzare i tempi e riuscire a scrivere tutto al meglio, ovvero senza distrazioni di sorta. Oggi noi di Geekissimo […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Illuminated

    Che schifo… è l’unico commento che posso lasciare. mettere fine a delle vite così… non è umano.

    30 Set 2007, 10:38 am Rispondi|Quota
  • #2capitancatarro

    innocenti arrestati, morti, teste spaccate… cavoli, sembra quasi il social forum di genova di qualche anno fa! preoccupanti analogie. beh, non proprio precise. qui i black blocks non li hanno nemmeno toccati. scherzi a parte, che non c’è niente da scherzare su queste cose. se l’onu non interviene subito si rischiano massacri tipo quello di srebrenica (se non ci sono già stati, visto che si parla di SCOMPARSA di interi villaggi).

    30 Set 2007, 10:55 am Rispondi|Quota
  • #3Goradan

    Rabbrividisco a leggere queste notizie…L’ONU si deve mobilitare e lo deve fare subito…

    30 Set 2007, 1:12 pm Rispondi|Quota
  • #4ale

    Non vorrei che sembrasse una mera strumentalizzazione politica, ma lo devo dire. Nessun Tg, nessun giornale (escluso Il Giornale) ha avuto il coraggio di spiegare le radici della dittatura birmana. Radici che sono comuniste, radici che affondano nell’illusione del socialismo reale. Non è un regime fascista, come l’ho sentito chiamare alla radio. Lo ripeto, è comunista! Una delle ultime Nazioni (Italia inclusa), dove uno o più partiti comunisti reggono un governo.

    Solidarietà al popolo Birmano!

    30 Set 2007, 1:14 pm Rispondi|Quota
  • #5Mangiucugna

    Che in italia governino i comunisti è tutto da dimostrare, ne è convinto solo Berlusconi, semmai governani i democristiani di sinistra.
    Comunque che differenza fa il colore di una dittatura?? La repressione la violenza e le uccisioni hanno solo un colore quello del sangue e la morte.
    Quindi cerchiamo di andare oltre certe baggianate retoriche sui comunisti che mangiano i bambini e magari soffermiamoci a pensare perché l’ONU è uno strumento ormai inutile chiuso dentro i veti incrociati di 5 nazioni, immobile anche di fronte a verità come queste. Di fronte a religiosi inermi e che urlano “pace” mentre gli sparano…
    Questo è il problema…

    1 Ott 2007, 3:15 am Rispondi|Quota
  • #6Basta

    Il silenzio più vergognoso è quello di chi parla a comando delle “rivoluzioni” pacifiche adocchiate dai media e TACE dei tanti morti quotidiani in altre parti del mondo, dove operano guarda caso anche militari italiani, come l’Afghanistan per fare un esempio.

    BASTA con questa spocchia pseudo-democratica.

    BASTA con questa indignazione perbenista e ipocrita.

    1 Ott 2007, 9:22 am Rispondi|Quota
  • #7mauro peron

    La Birmania e’ un esempio di come la repressione totalitaria possa agire in un intero stato di milioni di persone.La Cina popolare segue lo stesso criterio.
    Non per niente ostacola sino al limite del criminale le sanzioni ( che gia’ di per se sono poca cosa nell’immediato).
    Definisce un affare interno del Mianmar tutto quello che sta accadendo sterminio,violenze etc..
    Ora iniziate a capire come mai TAIWAN ( o isola di Formosa) veda con terrore e raccapriccio anche la sola IPOTESI che venga a essere riunificata con la Cina popolare?

    1 Ott 2007, 12:43 pm Rispondi|Quota