Geekissimo

Lo strano caso dei domìni inesistenti e poi esistenti

 
Daniele Semeraro ([email protected])
28 Ottobre 2007
15 commenti
Dominio

Alcuni utenti internet e blogger nell’ultimo periodo hanno denunciato uno “strano” fatto. Che poi tanto strano non è. È capitato a moltissimi, infatti, che dopo aver provato a vedere se un dominio fosse disponibile (ed era veramente disponibile) il giorno dopo questo venisse “stranamente” registrato da un’altra persona.

Certo, potrebbe trattarsi di una coincidenza. Ma tante coincidenze, una dietro l’altra? Così in molti hanno iniziato a sospettare che alcuni siti che offrono la possibilità di cercare negli archivi “Whois” rivendano a speculatori senza scrupoli i dati delle ricerche degli ignari utenti. Questi speculatori, ovviamente, ricevuta la notizia di un utente che vuole registrare un dominio, lo registrano prima di lui. Poi, quando l’utente chiede spiegazioni, gli viene richiesta una somma di denaro per sbloccare il dominio ed entrarne in possesso.


Adesso arriva la notizia che l’Icann, l’agenzia statunitense che regola i domini, ha deciso di aprire un’inchiesta. Si tratta di un nuovo tipo di frode: fino ad ora, infatti, venivano registrati marchi famosi o nomi di persone celebri; adesso, invece, si vanno a colpire tutti quelli che vogliono registrare un dominio, cosa ben più grave.

Secondo l’agenzia federale l’ipotesi della vendita di interi archivi di ricerche Whois potrebbe anche essere falsa, e magari a fornire ai malintenzionati i dati potrebbero essere virus o spyware. Fatto sta che è ecessario stroncare subito questa brutta usanza, che mina i fondamenti della rete. A qualcuno di voi è capitata una (brutta) esperienza simile? E come vi siete difesi?

Via | Techdirt
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Le donazioni non bastano, e se Wikipedia si affidasse alle entrate pubblicitarie?

Le donazioni non bastano, e se Wikipedia si affidasse alle entrate pubblicitarie?

Ultimamente Wikipedia è particolarmente sotto pressione a causa delle critiche sollevate da più sedi accademiche in merito soprattutto ai contenuti dell’enciclopedia, e da ciò è scaturita una divisione tra gli […]

Usa, un disegno di legge per rendere illegale il posting anonimo in internet

Usa, un disegno di legge per rendere illegale il posting anonimo in internet

Non preoccupatevi: per il momento, almeno in Italia, l’anonimato di chi utilizza internet non è a rischio. Ma forse negli Stati Uniti un pochino lo è. Un politico del Kentucky […]

I blog? Sono meglio dei siti statici, ecco perché

I blog? Sono meglio dei siti statici, ecco perché

Se state per creare uno spazio web per voi o la vostra azienda, sarete sicuramente impelagati in uno dei dilemmi tecnologici più assidui degli ultimi anni: “faccio un normale sito […]

Come scoprire se qualcuno accede senza permesso alla nostra casella di posta elettronica

Come scoprire se qualcuno accede senza permesso alla nostra casella di posta elettronica

Con gli attuali, immensi, ottimi servizi come Gmail, le nostre caselle di posta elettronica sono diventate ancora più preziose rispetto a quanto non lo fossero già qualche anno fa. Infatti […]

“Assaggiare” un dominio? Ora, anche per l’Icann, è diventato un problema

“Assaggiare” un dominio? Ora, anche per l’Icann, è diventato un problema

“Assaggiare” un dominio? È, purtroppo, una bruttissima pratica, molto diffusa e difficile da estirpare. E ora anche l’Icann, l’ente internazionale che come sapete ha molti incarichi di gestione della rete […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1rrobe

    C’era da aspettarselo che qualcuno lo facesse…

    Un po’ di paranoia quando verifico la disponibilità in effetti c’è, specie per i .com (per gli .it spero di potermi fidar del sito dei NIC…)

    Sarebbe interessante raccogliere qui alcune risorse “prestigiose” e collaudate di cui potersi fidare un po’ di più..

    28 Ott 2007, 11:35 am Rispondi|Quota
  • #2Mega69

    A me una volta è successa una cosa simile.
    Ho un sito, http://www.sitomega.net, di cui in origine avrei voluto il .com, peccato che era già occupato.
    Dopo qualche mese mi arriva un email dove mi viene chiesto se voglio sbloccare il dominio .com a circa 100 euro.
    Ovviamente me ne sono fregato!

    28 Ott 2007, 12:01 pm Rispondi|Quota
  • #3MAC

    Ovviamente me ne sono fregato. Per un mio cliente abbiamo accordato di scrivere il nome completo nel dominio, invece che solo una parte, per abbreviare e rendere più facile la ricerca, e tutto è filato liscio.

    Facendo così prima o poi questa “mafia” finirà…

    28 Ott 2007, 11:27 am Rispondi|Quota
  • #4eDog

    Però, proprio una bella truffa telematica…

    28 Ott 2007, 11:42 am Rispondi|Quota
  • #5bryk

    Perchè stupirsi questo è il mondo reale ,
    cosa credi che internet sia immune da speculatori che definiscono questo modo di agire “finanza creativa”

    28 Ott 2007, 12:29 pm Rispondi|Quota
  • #6kika-chan

    Fortunatamente non mi è capitato!!

    28 Ott 2007, 1:42 pm Rispondi|Quota
  • #7Alessandro

    Ormai non mi stupisco più di niente…

    28 Ott 2007, 2:52 pm Rispondi|Quota
  • #8Fabrizio

    Posso permettermi una critica? Penso che si abusi del “more” che spezza in due il feed e costringe ad accedere al sito per leggere tutto il post. E’ un escamotage per aumentare il numero di visite?

    28 Ott 2007, 3:58 pm Rispondi|Quota
  • #9Shor

    @Fabrizio: è per evitare i troppi link in uscita, e poi cosa c’è di male? se l’articolo ti piace e vuoi leggerlo tutto venire nel blog dovrebbe essere un piacere.

    Io addirittura uso i feed, ma per i miei Top 10 non li utilizzo, preferisco leggerli nel sito 🙂

    28 Ott 2007, 5:58 pm Rispondi|Quota
  • #10Giuseppe1000

    Mah questo tipo di truffa potrebbe finire in un modo abbastanza semplice: ognuno passa anche 5 min a sparare domini a caso così questi intelligenti iniziano a comprare tutto ma naturalmente nessuno li comprerà con conseguente perdita di denaro di questi truffatori…

    28 Ott 2007, 7:26 pm Rispondi|Quota
  • #11ATMB

    Non dimentichiamo che il più famoso cybersquatter al mondo era un italiano, tale Niki Grauso, http://it.wikipedia.org/wiki/Nicola_Grauso e che più che gli italiani ste porcate per primi (si parla del 2000!) non possono farle…
    che merda.

    28 Ott 2007, 8:49 pm Rispondi|Quota
  • #12Fabrizio

    Io trovo più piacevole e veloce leggere tutto l’articolo nel mio lettore di feed, ma sono gusti 🙂

    29 Ott 2007, 11:27 am Rispondi|Quota
  • #13Giancarlo

    a me è successo per la mia azienda kiwiage…

    ho avuto il sospetto perchè era libero poi dopo circa due settimane che avevo verificato il.com era stato acquistato… ovviamente dai soliti broker!

    allora ho chiesto cosa volevano e mi hanno chiesto 3000$ … beh ho preso solo il.it
    F..ck!

    29 Ott 2007, 12:31 pm Rispondi|Quota
  • #14francesco

    io direi di stare più che altro attenti a chi ti offre la registrazioni di domini a prezzi stracciati ! ( E lì che c’è insita la fregatura !)

    29 Ott 2007, 12:45 pm Rispondi|Quota
  • #15Luca

    Lo avevo sempre sospettato. L’altro giorno la conferma definitiva. Ricerco il nome, il nome è disponibile ma il giorno dopo è già registrato. Il solito schifo italiano…

    30 Ott 2007, 5:26 pm Rispondi|Quota