Geekissimo

Windows Azure, debutto del sistema operativo cloud-based di Microsoft

 
Ivan Trapasso
28 Ottobre 2008
4 commenti

Cari lettori, il tema di oggi è un pò una novità, prevedibile ma pur sempre una novità. Andiamo a parlare di Windows Azure, il sistema operativo di casa Microsoft che tecnicamente definiscesi come cloud-based. Ora, chi conosce l’inglese tradurrebbe a prima vista quel “cloud” come “nuvola“. La traduzione è corretta, naturalmente. Ma la domanda che ora sorge spontanea è: cos’è questa nuvola? Un sistema operativo basato sulla nuvola? Vi starete chiedendo se ho battuto la testa prima di scrivere, ma vi anticipo che qui è tutto in regola: dobbiamo solamente spiegare in soldoni cosa sia realmente “The Cloud”. Dopo aver chiarito i brevi concetti teorici, saremo in grado di dire qualcosa di più su Azure.


Non siamo diventati esperti di meteorologia qui su Geekissimo: Cloud è una metaforica allusione ad Internet. Perché la nuvola? Molto semplice, ma non scontato: questo è il simbolo che si utilizza per indicare reti esterne (come Internet) nei network diagrams, rappresentazioni schematiche delle connessioni e dei nodi presenti in una rete di PC. Premesso quanto detto, l’espressione “cloud-based” assume quel significato che in qualche modo potevamo anche aspettarci: basato su Internet. Diversi rumors parlavano di questo progetto della società di Redmond per la fine del mese, rumors che sembrano aver trovato conferma: proprio ieri, 27 ottobre 2008, Ray Ozzie, Chief Software Architect di Microsoft, ha annunciato al PDC2008 (Professional Developers Conference 2008) la nascita di questo prossimo sistema operativo.

Un pò in stile Google App Engine, Azure altro non è che una piattaforma capace di ospitare, sviluppare ed eseguire applicativi, ai quali si può accedere semplicemente con qualche clic all’interno del browser. Il bacino di utenza principale a cui Azure è rivolto è quello degli sviluppatori: su questo sistema operativo si può lavorare tranquillamente con Visual Studio 2008 e per il futuro sono previste integrazioni di linguaggi come PHP e Python e addirittura di IDE (integrated development environments, ambienti di sviluppo integrati) come Eclipse! Sarà altresì possibile lavorare con altre piattaforme, come Microsoft Live Services e SQL Services, e con altri protocolli, del genere SOAP, REST e RSS.

Visual Studio 2008 e la semplicità di pubblicazione di un’applicazione saranno sicuramente i primi punti di forza su cui verrà costruita la popolarità del sistema. Una condizione che invece potrebbe demolire l’immagine del nascente progetto è il prezzo del servizio. Microsoft dovrà puntare a tariffe non troppo alte e molto competitive con altri providers di servizi simili. Per il momento, in attesa di una definizione certa dei prezzi, l’utilizzo di Azure è gratuito, sebbene sia presente qualche limitazione.

Per il momento possiamo cominciare ad assaporare questa nuova prospettiva ed augurare a Microsoft di incassare un altro successo. 😉 Buona navigazione, a presto!

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Disponibile Windows XP SP3 tramite Windows Update

Disponibile Windows XP SP3 tramite Windows Update

Se abbiamo installato ancora il service pack 2 di Windows XP, e controlliamo la pagina di Windows Update oggi, avremo una bella sorpresa. Infatti quasi una settimana dopo la cancellazione […]

Rilasciato Microsoft Windows Mobile 6.1

Rilasciato Microsoft Windows Mobile 6.1

Il sistema operativo più completo nei telefoni di ultima generazione (pda/smartphone), è sicuramente Windows Mobile di casa Microsoft. E oggi, navigando per il Web come è solito che io faccia, […]

Windows Vista e l’aggiornamento killer KB937287, come risolvere il problema dei riavvii continui

Windows Vista e l’aggiornamento killer KB937287, come risolvere il problema dei riavvii continui

Purtroppo Microsoft non è nuova a regalare ai propri utenti esperienze traumatiche dovute al non corretto funzionamento di, più o meno importanti, aggiornamenti per il sistema operativo. Ultimo, esemplare caso, […]

Trasformare Vista in Leopard

Trasformare Vista in Leopard

Per XP ci sono ormai infiniti Trasformation Pack che rendono il nostro pc simile al Mac (Il più famoso FlyakiteOSX) ma nessuno fino ad ora aveva pensato di crearne uno […]

Tutte le alternative per Linux ai migliori software per Windows

Tutte le alternative per Linux ai migliori software per Windows

Ormai anche chi non è un vero geek incallito conosce (almeno per sentito dire) Linux ed il mondo del software libero. Il passare degli anni e la sempre più larga […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1EnricoG

    Questa parte della descrizione “ai quali si può accedere semplicemente con qualche clic all’interno del browser” e’ un po’ limitativa, non e’ un ambiente che si limita a essere usato con il browser, certo offre anche quella modalita’ ma anche molto di piu’.

    28 Ott 2008, 1:30 pm Rispondi|Quota
  • #2yuri

    non sono prevenuto contro microsoft, sono anche gradevoli i suoi software ma qualsiasi cosa di nuovo faccia mi sembra più una mossa di mercato, azure ricorda vagamente azureus, anche l’interfaccia…mi starò pinguinizzando adesso che arriva l’inverno? 😛

    28 Ott 2008, 2:41 pm Rispondi|Quota
  • #3k3rnel

    Da dove si scarica scusa ?? sono molto curioso

    28 Ott 2008, 3:47 pm Rispondi|Quota
  • #4Ivan Trapasso

    @ EnricoG:
    Naturalmente.

    @ yuri:
    Caro yuri, l’operato di grosse aziende come Microsoft deve essere supportato da ottime campagne di advertising e webmarketing. Nel caso di Azure, personalmente non credo che la società di Redmond punti ad un’esposizione mediatica, ma probabilmente deve cominciare a procedere di pari passo con altre società che lavorano già col cloud-computing. Vorrei pinguinizzarmi anch’io, visto il freddo che sta per arrivare, ma la mia fedeltà verso Windows mi impedisce di farlo :D:D

    @ k3rnel:
    Ciao k3rnel! Azure non è un prodotto scaricabile, tutt’altro: per utilizzare le sue funzioni (almeno per ora) devi iscriverti nell’apposita sezione del sito linkato all’inizio dell’articolo.

    Buona navigazione a tutti, a presto!

    28 Ott 2008, 4:01 pm Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Microsoft Office online finalmente… sul browser! - Geekissimo