Geekissimo

Le 5 novità tecnologiche che cambieranno le nostre vite entro 5 anni

 
Andrea Guida (@naqern)
4 Aprile 2011
11 commenti


Parlare delle innovazioni tecnologiche del futuro, quelle che vedremo fra 10 o 15 anni, è abbastanza facile, basta mettere in moto la fantasia e iniziare a viaggiare in un mondo in cui è tutto online, in cui le TV sono state sostituite da ologrammi 3D, ecc.. Ma quali sono le novità tecnologiche che avranno effetto sulla nostra quotidianità dopodomani, fra due, tre o cinque anni?

Oggi proveremo a darvela noi una risposta stilando una lista di 5 novità tecnologiche che cambieranno le nostre vite entro 5 anni: nulla di fantascientifico, sia intesi, ma solo piccoli-grandi cambiamenti di cui già oggi è possibile prendere coscienza e che di qui a qualche anno ci faranno comportare in maniera diversa da come facciamo oggi. Leggetela e diteci cosa ve ne pare.

NFC – pagamenti con smartphone

Photo Credits: The GameWay

La Near Field Communication (abbreviato NFC) è una tecnologia sviluppata congiuntamente da Philips e Sony che permette di instaurare una rete P2P sicura fra due dispositivi nel raggio di 4-10 cm. Funziona su radio frequenza e permette di effettuare pagamenti tramite smartphone. Di sicuro non prenderà il sopravvento sul contante (soprattutto da noi, dove la carta di credito è ancora un mezzo sconosciuto per i più) ma possiamo tranquillamente dire che entro cinque anni la NFC inizierà a prendere piede. D’altronde Google ha deciso di integrare il supporto a questa tecnologia nel suo Android, Apple pare stia per fare lo stesso con iPhone 5 e Microsoft seguirà a ruota con Windows Phone. Per saperne di più, leggete la pagina dedicata all’NFC su Wikipedia.


Musica tramite servizi cloud

Photo Credits: Francesco Pappalardo

Il successo o la debacle di Chrome OS e l’effettiva quantità di funzionalità “cloud” integrate in Windows 8 ci diranno quanto i sistemi online attecchiranno sul mercato mondiale dei computer. Un percorso molto più lineare (e trionfale) sembrano invece averlo i servizi cloud per ascoltare la musica. Google ne sta preparando uno da tempo (Google Music) e anche Apple sembra pronta per il grande salto con il suo iTunes. Insomma, c’è la concreta possibilità che entro un lustro o poco più il download legale di MP3 sia sostituito all’abbonamento a servizi cloud in grado di fornire musica di prima scelta in qualsiasi luogo e su qualsiasi dispositivo indistintamente (mantenendo sincronizzate librerie, preferenze, ecc. ovunque senza più smanettamenti).

Kinect e i suoi figli

Photo Credits: Open Exhibits

L’incredibile successo di Kinect e i miliardi di metodi di utilizzo che gli hacker sono riusciti a tirarne fuori testimoniano che il futuro dell’interazione fra persone e dispositivi elettronici è il riconoscimento dei movimenti del corpo umano. Ora, lungi da noi dire che fra cinque anni comanderemo i nostri PC solo con il corpo, ma è assai probabile che Kinect e suoi derivati saranno presenti su PC, televisori e altri dispositivi in maniera nativa, permettendoci di compiere un mucchio di operazioni – dal cambiare canale sulla TV all’accendere il computer – con il semplice movimento di un braccio o una mano.

TV sempre connesse

Photo Credits: [email protected]

Se il passaggio dai vecchi televisori a tubo catodico a quelli HD ultrapiatti è stato epocale, la transizione dalla TV intesa come strumento passivo alle TV sempre connesse ad Internet capaci di mettere l’utente al centro di tutto lo sarà ancor di più. Come testimonia anche la nuova gamma di TV Samsung (gli Smart TV), il futuro dei televisori è fatto da dispositivi connessi ad Internet in grado di farci navigare sul Web, visualizzare film in streaming, scaricare e utilizzare applicazioni di ogni genere. Proprio come uno smartphone. Oggi sono già una realtà, entro cinque anni saranno probabilmente la regola, una bella regola.

3D senza occhialini

Photo Credits: Rasdourian

Non sappiamo ancora se il 3D sia una moda passeggera o una vera innovazione tecnologica che ci farà compagnia per lungo tempo, ma visto anche il successo di Nintendo 3DS (300.000 pezzi venduti in Europa al lancio) e la realizzazione di tablet come l’LG Optimus Pad, possiamo azzardare che almeno sui dispositivi mobili (quindi anche gli smartphone) fra un lustro sarà inclusa la possibilità di visualizzare contenuti 3D senza occhialini. Per le TV e gli schermi grandi potrebbero esserci degli ostacoli in più, quindi non prevediamo una grossa diffusione o un’adozione di massa di tale tecnologia.

E voi come ve lo immaginate il futuro, il prossimo futuro, tecnologico? Fatecelo sapere attraverso i commenti?

[Photo Credits | Look Into My Eyes]
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Google Project Tango, lo smartphone che sviluppa mappe 3D

Google Project Tango, lo smartphone che sviluppa mappe 3D

Interrogandosi in merito a ciò che potrebbe accadere se venisse portato un sensore 3D su uno smartphone e su cosa potrebbe diventare un device mobile se fosse in in grado […]

RayModeler: il display olografico 3D di Sony con visione a 360 gradi, senza occhialini [video]

RayModeler: il display olografico 3D di Sony con visione a 360 gradi, senza occhialini [video]

Dopo aver visto il display arrotolabile in azione lo sospettavamo, ora ne siamo certi, Sony è con un piede e mezzo nel futuro. Il colosso nipponico ha sbaragliato il pubblico […]

Intel presenta Light Peak: USB 3.0 già vecchio!

Intel presenta Light Peak: USB 3.0 già vecchio!

Tutti ne parlano, tutti lo vogliono, ma potrebbe nascere già vecchio. Stiamo parlando dell’USB 3.0, il nuovo standard di comunicazione seriale che con i suoi 4.8 Gbit di dati trasferiti […]

10 consigli per proteggere i PC dal caldo estivo

10 consigli per proteggere i PC dal caldo estivo

Soprattutto nei giorni scorsi, dalle Alpi all’Etna si è alzato un unico grido di dolore: “Antò, fa caldo!”. Questo dovuto a quello che è stato definito come “anticipo d’estate”, che […]

Video Tutorial: come creare un collegamento sul desktop per rimuovere le periferiche USB

Video Tutorial: come creare un collegamento sul desktop per rimuovere le periferiche USB

Sebbene rimuovere una periferica esterna tramite la “freccetta” presente nella barra delle applicazioni sia abbastanza semplice, oggi vogliamo descrivervi un modo ancora più semplice per fare ciò. Il video-guida presente […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Edi1986

    5 anni mi sembra un lasso di tempo troppo ampio…diciamo che queste tecnologie diverranno abituali in 5 anni come oggi lo sono smartphone e tablet. Ma in 5 anni mi aspetto rivoluzioni ben più grandi di musica in cloud. Tanto per farvi capire, l'iphone è stato lanciato 4 anni fa…

    4 Apr 2011, 12:33 pm Rispondi|Quota
    • #2Andrea Guida

      infatti, nel post si parla proprio di quando queste tecnologie diverranno di uso comune. L'iPhone alla sua uscita era un'innovazione, ora a 4 anni di distanza, lo smartphone con touch-screen ce l'hanno quasi tutti. È proprio questo il ragionamento. 😉

      ciao

      4 Apr 2011, 5:35 pm Rispondi|Quota
  • #3Geeki

    Ah ah ah ah Andrea Guida il Nostradamus ah ah ah ah fra 5 anni? ma dai! Fra qualche anno!!! Andrea Guida è uno buffone

    4 Apr 2011, 12:39 pm Rispondi|Quota
  • #4EtorS

    Bhe 5 anni per televisioni sempre connesse? la rete italiana non reggerebbe tanto traffico xD quindi spero che tra 5 anni ci sia pure una linea appropriata xD

    4 Apr 2011, 2:32 pm Rispondi|Quota
  • #5mariu

    geeki taci

    4 Apr 2011, 2:34 pm Rispondi|Quota
  • #6Raziel86

    Microsoft credo non si aspettasse che gli hacker avrebbero reinventato l'uso del Kinect 😀

    4 Apr 2011, 4:18 pm Rispondi|Quota
  • #7DeST

    Il mercato tecnologico segue una regola alquanto banale…
    Se è commerciabile è ANTIQUATA!!
    Queste tecnologie dal momento che sono entrate in vendita sono diventate antiquate e surclassate da nuove tecnologie in laboratorio… quelle saranno il futuro!

    4 Apr 2011, 5:02 pm Rispondi|Quota
  • #8LoGnomo

    Tra 5 anni cambierà poco e niente.
    è inutile fare previsioni di questo tipo perchè il mercato è il mercato.
    Finchè la domanda di qualcosa è alta nessuna multinazionale metterà sul mercato qualcosa di nuovo.
    Lasceranno che i tablet e gli smartphone aumenteranno a dismisura fino all' abitualità. Dopo di che si parlerà di una nuova tecnologia e si adatterà per 10 anni. è sempre stato così. Se infatti notate nei centri di ricerca sono anni luce avanti a noi (energia magnetica, fusione a freddo, schermi ultra flessibili, occhiali con sensori che riconosco il movimento dell' occhio) ma queste tecnologie le vedremo tra molto molto tempo. Putroppo prima vogliono guadagnare il più possibile, e poi faranno un altro passo avanti.

    4 Apr 2011, 8:59 pm Rispondi|Quota
  • #9@lucafraga

    Ma come siete simpaticoni voi troll.

    4 Apr 2011, 10:31 pm Rispondi|Quota
  • #10levy

    5, vorrà dire almeno 10 anni, siamo così lenti nel mettere nel mercato le nuove tecnologie (sopratutto noi italiani)

    14 Apr 2011, 9:29 pm Rispondi|Quota
  • #11maria

    magari fra 5-10 anni si avrà uno strumento che servirà per tutto, aspettiamo e vediamo

    10 Mag 2013, 7:30 am Rispondi|Quota