Geekissimo

Norma “ammazza blog”, obbligo di rettifica solo per testate registrate

 
Andrea Guida (@naqern)
5 Ottobre 2011
23 commenti

FLASH NEWS – Apprendiamo dal sito di Repubblica che la norma ammazza blog è passata ma è stata ristretta alle sole testate registrate. Avranno obbligo di rettificare entro 48 ore solo le testate giornalistiche on-line che risultano registrate e non i blog personali. La nuova norma è frutto di un accordo bipartisan raggiunto grazie ad alcuni emendamenti presentati da Zaccaria (Pd) e Cassinelli (Pdl).

Photo Credits | ChuPix

Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Legge bavaglio, stop e rinvio in commissione

Legge bavaglio, stop e rinvio in commissione

Nella giornata di ieri, in seguito alle dimissioni della relatrice del Pd Silvia Della Monicail, il Senato ha rispedito in commissione Giustizia il ddl sul reato di diffamazione a mezzo […]

Nonciclopedia riapre, Wikipedia chiude per protesta contro la norma “ammazza blog”

Nonciclopedia riapre, Wikipedia chiude per protesta contro la norma “ammazza blog”

Il mondo delle enciclopedie online è in subbuglio come non mai. Da una parte la satirica Nonciclopedia fa pace con Vasco Rossi e riapre i battenti, dall’altra Wikipedia si auto-sospende e […]

Anche Wikipedia minacciata dalla norma “ammazza blog”

Anche Wikipedia minacciata dalla norma “ammazza blog”

La norma “ammazza blog” recentemente riesumata e riproposta dal Governo Berlusconi nel DDL sulle intercettazioni non smette di far paura. Lo scellerato provvedimento che equipara i blog personali alle testate registrate, […]

Censura sul Web: ritorna la norma “ammazza blog”

Censura sul Web: ritorna la norma “ammazza blog”

Nel bel mezzo di una crisi economica globale che potrebbe mandare a gambe all’aria parecchi Paesi europei, compresa l’Italia, la nostra classe dirigente ha individuato le priorità su cui concentrare […]

6 luglio 2011, la Rete in rivolta contro l’AGCOM che vuole oscurare i siti che violano il copyright

6 luglio 2011, la Rete in rivolta contro l’AGCOM che vuole oscurare i siti che violano il copyright

Soprattutto quando si parla di Internet, le istituzioni e le autorità di questo Paese non mancano mai di fare delle figure barbine al cospetto della platea internazionale. Scampata la figuraccia […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1liamgallagher

    Ergo wikipedia potrà riaprire normalmente?

    5 Ott 2011, 5:49 pm Rispondi|Quota
    • #2Andrea Guida

      Credo di sì, ma bisogna aspettare tutti i dettagli della norma…

      5 Ott 2011, 6:11 pm Rispondi|Quota
  • #3manuel

    si ma il bavaglio c'è lo stesso così !!!

    5 Ott 2011, 5:53 pm Rispondi|Quota
  • #4Max

    wikipedia riapre????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????
    rispondete grazie

    5 Ott 2011, 5:54 pm Rispondi|Quota
  • #5Andrea Canardi

    Spero che non riapra .. cosi la gente si SVEGLIA!!

    5 Ott 2011, 6:45 pm Rispondi|Quota
  • #6Alberto Paolucci

    Divertente come nei commenti la gente si preoccupa per Wikipedia mentre questa norma ha deliberatamente mandato a puttane la libera informazione anche su internet, ora non mi posso più fidare nemmeno di cosa scrivono le testate giornalistiche sui loro siti

    5 Ott 2011, 7:39 pm Rispondi|Quota
  • #7provola

    Questa è una vera è propria DITTATURA legalizzata.

    S V E G L I A T E V I.

    Bisogna mandarli a zappare la terra. TUTTI INDISTINTAMENTE.

    5 Ott 2011, 7:52 pm Rispondi|Quota
    • #8Rocco Leonello

      bravo. finalmente qualcuno capisce qualcosa in questa italia di corruzione e amore per i ricchi.

      6 Ott 2011, 4:34 pm Rispondi|Quota
  • #9~DF-10

    Non è possibile che nel 2011 un paese che si dichiara DEMOCRATICO si abbassi a leggi così! Siete la nostra vergogna! Ci tolgono tutto: libertà di pensiero, libertà di parola, libertà di vivere per quante tasse inutili ci impongono!
    È ora di dire B A S T A ! Basta sottometterci a questi signori che credono di portare avanti un paese, quando il massimo che fanno è caz*****re e divertirsi andando a pu****e!

    INTERNET È UNO STRUMENTO LIBERO! E TALE DEVE RIMANERE OVUNQUE, IN OGNI PARTE DEL MONDO!

    5 Ott 2011, 8:07 pm Rispondi|Quota
    • #10Rocco Leonello

      sembra di essere in cina o in una russia di 80 anni fà

      6 Ott 2011, 4:34 pm Rispondi|Quota
  • #11Nicola Pietragalla

    http://www.altalex.com/data01/010611_testateonlin

    qui avrete più chiarezza in merito alle testate registrate
    Forse Wikipedia no, ma mi sembra che roba come Geekissimo
    (così come ogni blog informativo che espone un logo ed informa
    l'utenza a cadenza giornaliera)
    rientri perfettamente nella cosa ed in effetti è così
    avendo comunque una redazione, in pratica amici miei
    si salva wikipedia e qui nei blog siamo fo**uti.
    Salutatemi la libertà d'espressione, se un politico riterrà
    che lo stiate definendo in modo diffamatorio
    vi dovrebbe (sottolineo il condizionale) arrivare una comunicazione
    di rettifica oltre la quale dopo 48 ore procedono legalmente, se invece
    gente come berlusconi, perchè votate a sinistra vi chiama "Comunisti di Mer*a"
    in tv o anche sul suo profilo di face, amici miei non potrete farci
    proprio un bel niente!

    5 Ott 2011, 8:11 pm Rispondi|Quota
  • #12liamgallagher

    L'abbiamo capito che passa lo stesso la legge….
    Questo comunque non risponde alla domanda

    5 Ott 2011, 8:40 pm Rispondi|Quota
  • #1312Kg e mezzo

    Ma si può ancora esprimere un commento sulle rattifiche?

    Esiste ancora la libertà di parola?

    Non sarà ora di riformare la politica visto che è causa di problemi per tutto il resto dell'Italia (giornalismo, giustizia, tasse, raccolta firme,….)

    5 Ott 2011, 10:01 pm Rispondi|Quota
  • #14Rassegnato

    E io che sono stato denunciato e sto subendo un processo perchè ho un blog personale e secondo il PM avrei dovuto registrarlo?!?????!?

    5 Ott 2011, 11:34 pm Rispondi|Quota
  • #16l'illuminatorio

    E' una vergogna, la tv ormai è loro, i giornali idem… ed ora vogliono prendersi pure internet, che è la fetta più alta di tutto il sistema informativo…
    Ora come non mai la linea che contraddistingue mafia e governo è impercettibile…
    E' ORA DI SVEGLIARSI POPOLO DI INTERNET O SAREMO FOTTUTI TUTTI DA UNA TROLLFACE VIVENTE CHE SI DIVERTE A FARE IL MARIONETTISTA!!!

    6 Ott 2011, 12:02 am Rispondi|Quota
  • #17l'illuminatorio

    E' una vergogna, la tv ormai è loro, i giornali idem… ed ora vogliono prendersi pure internet, che è la fetta più alta di tutto il sistema informativo…

    6 Ott 2011, 12:04 am Rispondi|Quota
  • #18Keivan

    Wikipedia?? e chissenefrega di wikipedia, stanno stuprando la democrazia e la libertà di pensiero e voi pensate a wikipedia? wikimedia italia questo lo ha capito, per questo ha chiuso wikipedia…

    6 Ott 2011, 12:09 am Rispondi|Quota
  • #19claudio

    Napolitano, ti prego non firmare!! apri gli occhi, almeno tu!!!

    6 Ott 2011, 2:15 am Rispondi|Quota
    • #20Rocco Leonello

      bravo claudio. mi assicio

      6 Ott 2011, 4:38 pm Rispondi|Quota
  • #21Bong

    ma dove è il mio commento?

    6 Ott 2011, 1:18 pm Rispondi|Quota
    • #22Rocco Leonello

      eccolo

      6 Ott 2011, 4:38 pm Rispondi|Quota
      • #23Bong

        avevo commentato ieri e non è comparso.vittima dell' imbavagliamento?!?

        6 Ott 2011, 6:04 pm Rispondi|Quota