Geekissimo

I Google Glass sono un taglio netto con il passato ma non sostituiranno i device attuali, secondo Timothy Jordan

 
Andrea Guida (@naqern)
11 Novembre 2013
0 commenti

Timothy Jordan

Durante l’evento “Expand” di Engadget, il Senior Developer Advocate di Google, Timothy Jordan, ha parlato dei Google Glass definendoli come uno strumento in grado di creare un solco fra essi e il passato, ma non spazzeranno via la concorrenza. Jordan, infatti, ha precisato che secondo la sua opinione, occhiali come quelli prodotti dal colosso di Mountain View consentiranno agli utenti di lavorare in nuovi modi ma non finiranno col sostituire completamente smartphone, computer o tablet.


Anche dopo la diffusione dei Google Glass su larga scala – spiega il Developer Advocate – se si vorrà scrivere un libro si userà un notebook e non gli occhiali, ma ciò non toglie che la portata innovativa di questo device sia enorme.

“Molti progressi dell’interfaccia sono stati poco più di aggiornamenti per idee arcaiche”, ha dichiarato Jordan. Ad esempio, le tastiere QWERTY: adesso hanno la retroilluminazione ma sono lo stesso metodo di input usato dai vecchi giornalisti con le loro macchine da scrivere. Google Glass porta ad una rottura completa con quel passato dimostrando che le interfacce di elaborazione possono essere “semplici e non intrusive”.
Basta dettare un comando vocalmente per scattare una foto e il display quasi sparisce dalla vista dell’utente fino a quando non è veramente necessario.

Quanto alle applicazioni, Timothy Jordan ritiene che Google Glass potrà generare delle killer categories e non solo delle killer app. Ad esemplificare questo concetto c’è l’applicazione KitchMe, che consente di avere le ricette sempre a portata di sguardo, non solo mentre si è a fare la spesa ma anche quando si sta cucinando. In questo modo, non si devono sporcare gli altri gadget e si può contare su un assistente di lavoro costantemente attivo e pronto all’uso, che aiuta a raggiungere i propri scopi in maniera più comoda ed efficiente rispetto ad altri device.

Proprio a tal proposito, il Google Evangelist ha spiegato che continua ad usare il suo smartphone in accoppiata con i Google Glass, ma lo utilizza meno di prima perché gli occhiali gli consentono di compiere varie operazioni in maniera più efficiente.

[Engadget]

Categorie: Google
Tags: Google Glass,  Timothy Jordan, 
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Google Glass, una soluzione per i dentisti

Google Glass, una soluzione per i dentisti

L’azienda italiana Gerhò ha sviluppato un’interessante soluzione dedicata in maniera specifica ai Google Glass che va ad aprire nuove applicazioni in ambito medico per l’ormai celebre device indossabile. Trattasi di ciò che […]

Google vuole la registrazione del marchio Glass

Google vuole la registrazione del marchio Glass

I Google Glass, gli occhiali per la realtà aumentata di Big G, in un futuro non molto lontano potrebbero chiamarsi semplicemente Glass. Il colosso di mountain View ha infatti intenzione […]

Google Glass, disponibili su invito per gli amici degli sviluppatori

Google Glass, disponibili su invito per gli amici degli sviluppatori

L’approccio che big G ha scelto per i Google Glass non è poi così dissimile da quanto già visto svariate volte in passato in occasione del lancio di un nuovo […]

Google Glass, big G vuole implementarli sui classici occhiali da vista

Google Glass, big G vuole implementarli sui classici occhiali da vista

Della compatibilità dei Google Glass con i ben più tradizionali e diffusi occhiali da vista se ne era già iniziato a parlare qualche mese fa quando, appunto, big G pubblicò […]

Saurik esegue il jailbreak sui Google Glass

Saurik esegue il jailbreak sui Google Glass

Tra i pochi fortunati che hanno avuto l’opportunità di mettere le mani sui Google Glass in anteprima c’è anche il fondatore di Cydia, Jay Freeman (Saurik), che non ha perso […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento