Geekissimo

Su Facebook la catena riguardante il legame tra Pfizer e trombosi: ci sono smentite

 
Antonio Mele
11 Giugno 2021
0 commenti

Stanno circolando catene sui social, in particolare su Facebook, in cui si denuncia un presunto legame tra Pfizer e trombosi. Tema caldo quello del vaccino, soprattutto considerando la notizia della ragazza di 18 anni che ha perso la vita dopo la somministrazione di AstraZeneca. Considerando il fatto che la suddetta catena abbia avuto una certa risonanza soprattutto sui social, abbiamo ritenuto doveroso intervenire con qualche precisazione, in modo che non si diffonda panico ingiustificato.

Trombosi

Trombosi

Cosa sappiamo sul legame tra Pfizer e trombosi dopo le catene Facebook

La vicenda relativa al potenziale legame tra il vaccino Pfizer e trombosi è stata oggetto di un approfondimento anche da parte di Bufale, sito che si occupa appunto di fact checking. Attraverso la suddetta analisi, siamo risaliti a due comunicati ufficiali da parte della stessa azienda, che in passato ha provato ad affrontare l’argomento dopo aver eseguito tutte le indagini del caso. Questa la prima nota che era stata inviata a Il Giornale:

“Non possiamo confermare ma nemmeno escludere la presenza di casi di trombosi dopo la somministrazione del nostro siero. Abbiamo un ufficio di farmacovigilanza che raccoglie tutte le segnalazioni trasmesse direttamente all’Agenzia del farmaco. E Pfizer Italia fa riferimento ai report periodici di Aifa. Sui casi di trombosi dopo la somministrazione, per ora, l’azienda non ha una posizione ufficiale a riguardo”.

Successivamente, dopo aver eseguito ulteriori test, nel tentativo di individuare eventuali connessioni tra casi di trombosi e la somministrazione del vaccino Pfizer, la stessa azienda ha cercato di essere molto chiara con coloro che avevano avanzato dei sospetti sotto questo punto di vista:

“Con oltre 200 milioni di dosi somministrate a livello globale, Pfizer ha condotto una valutazione dei dati di sicurezza aggregati per il vaccino Pfizer/BioNTech che non ha fornito alcuna prova per concludere che gli eventi tromboembolici arteriosi o venosi, con o senza trombocitopenia, siano un rischio associato all’uso del nostro vaccino Covid-19”.

Anche gli studi che prima di altri avevano menzionato una potenziale connessione tra il vaccino Pfizer e casi di trombosi, alla fine si sono rivelati inconcludenti. Basti pensare alle conclusioni nelle quali ci siamo imbattuti poco meno di due mesi fa su LA7, durante la trasmissione Tagadà come si nota dal video in questione. Dunque, ora come ora è importante mantenere la calma, in attesa che le autorità preposte ci forniscano maggiori informazioni. Alcune catene su Facebook, allo stato attuale, alimentano solo inutile allarmismo su tematiche che restano delicate.

Categorie: Facebook
Tags: Facebook, 
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Facebook: come attivare/disattivare il nuovo browser interno

Facebook: come attivare/disattivare il nuovo browser interno

Facebook aggiorna costantemente la sua applicazione per offrire un’esperienza d’uso sempre più comoda, semplice e rapida. Per anni gli utenti Android si sono lamentati per l’app del robottino verde che […]

Facebook introduce la possibilità di incorporare i Post (Embedded Post)

Facebook introduce la possibilità di incorporare i Post (Embedded Post)

Avete mai sentito la necessità di incorporare uno stato/post di Facebook? Probabilmente gli utilizzatori di Twitter sono abituati a cliccare sull’apposita voce e prelevare il codice per portare ovunque si […]

Le foto di Instagram scompaiono definitivamente da Twitter

Le foto di Instagram scompaiono definitivamente da Twitter

In questi giorni vi abbiamo prontamente segnalato il problema che aveva colpito le foto di Instagram caricate su Twitter. Inizialmente si pensava ad un disservizio, ma in poche ore la […]

Facebook in trattative per acquistare WhatsApp?

Facebook in trattative per acquistare WhatsApp?

Qualche mese fa, Facebook riuscì ad aggiudicarsi una vittoria importante: Instagram. Si mormora che il social network in blu non fosse l’unico interessato, ma anche Google e Twitter avevano in […]

Relationbook, scoprire velocemente lo stato sentimentale degli amici di FB

Relationbook, scoprire velocemente lo stato sentimentale degli amici di FB

Il famoso social network di Mark Zuckerberg era nato soprattutto per permettere alle persone di ritrovare i propri conoscenti del passato. Gli utenti hanno potuto rimettersi in contatto con persone […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento