Geekissimo

PRISM all’italiana? Scatta l’allarme per una legge del 2013

 
Andrea Guida (@naqern)
11 Giugno 2013
0 commenti

PRISM ItaliaNegli USA, la fuga di notizie relativa al programma PRISM ha messo in luce l’esistenza di un sistema di spionaggio costante attraverso il quale le autorità a stelle e strisce potevano (e possono) intercettare senza alcun limite le comunicazioni e i dati degli utenti. Secondo le “carte” pubblicate in Rete, l’Agenzia per la Sicurezza Nazionale ha accesso diretto ai server di Google, Facebook ed altri giganti del settore Web (i quali, però, continuano a negare ipotesi del genere). E in Italia, come siamo messi? Non troppo meglio, stando al testo di una legge del 2013.


Come riporta Fulvio Sarzana (uno dei massimi esperti italiani di tematiche legate ai diritti fondamentali e rete Internet) sul suo blog, nella Gazzetta Ufficiale del 19 marzo 2013 è stata pubblicata una Direttiva recante indirizzi per la protezione cibernetica e la sicurezza informatica nazionale secondo la quale  “l’architettura istituzionale deputata alla tutela della sicurezza nazionale relativamente alle infrastrutture critiche materiali e immateriali, con particolare riguardo alla protezione cibernetica e alla sicurezza informatica nazionali, indicando a tal fine i compiti affidati a ciascuna componente ed i meccanismi e le procedure da seguire ai fini della riduzione della vulnerabilità, della prevenzione dei rischi, della risposta tempestiva alle aggressioni e del ripristino immediato della funzionalità dei sistemi in caso di crisi”.

Il testo completo del provvedimento, a firma dell’allora Presidente del Consiglio Monti e di vari ministri, lo trovate qui, ma la parte più pericolosa della norma è quella contenuta nell’articolo 11, il quale obbliga gli operatori di telecomunicazioni e gli Internet Service Provider a dare accesso ai servizi di sicurezza alle proprie banche dati, per finalità legate alla sicurezza. E in queste banche dati, naturalmente, ci sono i dati di tutti noi cittadini.

Tutto ciò – fa notare giustamente Sarzana – in via amministrativa e senza il necessario controllo quantomeno dell’Autorità garante per la protezione dei dati personali. Non avrà una portata “devastante” come quella del programma PRISM americano… ma non ci va troppo lontano. Per certi aspetti è addirittura peggio, quindi speriamo che chi di dovere possa essere sollecitato presto dall’opinione pubblica per chiarire i lati oscuri di questa norma.

[IlSoftware] [Photo credits | opensource.com]

Categorie: Internet, News
Tags: prism,  Privacy, 
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
MEGA, Dotcom annuncia l’arrivo di messaggi a prova di spia

MEGA, Dotcom annuncia l’arrivo di messaggi a prova di spia

Da sempre gli utenti hanno l’incubo di essere spiati mentre comunicano on line e proprio per questo motivo sono nate delle apposite applicazioni per proteggere la privacy. Soprattutto dopo lo […]

DuckDuckGo: boom di visite dopo il caso PRISM

DuckDuckGo: boom di visite dopo il caso PRISM

Le rivelazioni sul programma PRISM, attraverso il quale le autorità degli Stati Uniti hanno tracciato le comunicazioni e le informazioni su milioni di persone in tutto il mondo, hanno scatenato […]

PRISM: nuova intervista ad Edward Snowden da Hong Kong

PRISM: nuova intervista ad Edward Snowden da Hong Kong

Il South China Morning Post ha pubblicato una nuova intervista ad Edward Snowden, l’ex tecnico della CIA auto-denunciatosi “talpa” del caso PRISM. Il pezzo, pubblicato nelle scorse ore, non riporta […]

PRISM: ecco Edward Snowden, l’uomo che ha rivelato i piani segreti del governo USA

PRISM: ecco Edward Snowden, l’uomo che ha rivelato i piani segreti del governo USA

La fuga di informazioni che ha svelato al mondo l’esistenza del programma PRISM si deve ad un uomo, il ventinovenne Edward Snowden, ex technical assistant della CIA, che ha deciso […]

Google Street View: sbarca in Gran Bretagna e si arricchisce in Italia!
Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento