Geekissimo

Spam: Italia quarto produttore al mondo di email spazzatura

 
Andrea Guida (@naqern)
18 Novembre 2013
0 commenti

Spam

L’azienda di sicurezza informatica Sophos ha pubblicato un nuovo rapporto sui principali paesi produttori di spam. Dalla non troppo lusinghiera graduatoria, emerge la superpotenza degli USA che producono il 14,6% di tutte le email-spazzatura del mondo, ma ahinoi anche l’Italia non è piazzata male. È al quarto posto.

Dal nostro Paese è partito il 4,7% dello spam che ha infestato le caselle email degli utenti nel periodo luglio-settembre 2013. In mezzo ci sono la Bielorussia, al secondo posto con il 5,1% di spam distribuito su scala globale, e l’India che si è piazzata in terza posizione con la stessa percentuale di “spammoni” dell’Italia. Ecco la classifica completa:


  1. USA 14.6%
  2. Blelorussla 5.1%
  3. India 4.7%
  4. Italia 4.7%
  5. Cina 4.6%
  6. Taiwan 4.1%
  7. Argentina 3.7%
  8. Spagna 3.5%
  9. Iran 3.3%
  10. Perù 3.2%
  11. Germania 3.0%
  12. Russia 3.0%

Come ben sappiamo, il principale veicolo delle email di spam sono i computer infettati da malware. Questo significa che l’utente-medio italiano, al netto di qualche passo avanti fatto negli ultimi anni, non provvede ancora a proteggere adeguatamente il proprio computer con antivirus e firewall.

Sophos ha stilato anche una classifica relativa all’invio di spam pro-capite, dove il punto di riferimento sono ancora una volta gli USA. Da quest’altra graduatoria emerge che un computer in Bielorussia ha 11,1 probabilità in più rispetto ad un PC americano di inviare spam in tutto il mondo, mentre uno italiano ne ha 1,65 (piazzandosi al quattordicesimo posto). Questa è la classifica completa:

  1. Blelorussla 11.1
  2. Uruguay 4.7
  3. Taiwan 3.8
  4. Lussemburgo 2.7
  5. Macedonia 2.6
  6. Perù 2.2
  7. Kuwait 2.1
  8. Bahamas 2.1
  9. Kazakistan 2.0
  10. Bulgaria 1.9
  11. Argentina 1.9
  12. Israele 1.8

[Tom’s Hardware] [Photo Credits | freezelight]

Categorie: Internet
Tags: classifiche,  sophos,  spam, 
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Google Search Spam Blocker, rimuovere lo spam dai risultati di ricerca di Google

Google Search Spam Blocker, rimuovere lo spam dai risultati di ricerca di Google

Spesso accade che, utilizzando Google per eseguire le proprie ricerche online ed immettendo una specifica parola chiave, ci si ritrovi a dover fare i conti con link spam o, comunque […]

Search Engine Blacklist, escludere i siti web indesiderati dai risultati di ricerca di Google

Search Engine Blacklist, escludere i siti web indesiderati dai risultati di ricerca di Google

Navigare in rete costituisce senz’altro una tra le operazioni maggiormente eseguite da un ampio numero di utenti, tuttavia, tra i meandri del web, è ben risaputo che le insidie nelle […]

MailTo Encoder: una mossa semplice ma importante contro lo spam!

MailTo Encoder: una mossa semplice ma importante contro lo spam!

Oggi, per riprendere la tematica dell’articolo di ieri, non cambiamo molto argomento, non discontandoci, quindi, dall’ambito delle email. Servizi diversi quelli presentati, ma dalla pari utilità. Negli ultimi anni lasciare […]

Spam tramite email o tramite social network: a che punto siamo?

Spam tramite email o tramite social network: a che punto siamo?

I geek più accorti si saranno anche dimenticati della questione “spam”, capaci come sono di settare ed utilizzare filtri di cui poi, praticamente, ci si dimentica anche l’esistenza per quanto […]

Una statistica incredibile: lo spam interessa il 95% di tutte le e-mail in circolazione ogni giorno

Una statistica incredibile: lo spam interessa il 95% di tutte le e-mail in circolazione ogni giorno

Nel lontano 2001 lo spam, la posta elettronica indesiderata, era stimata nel cinque per cento di tutte le e-mail in circolazione. Sei anni dopo, nel 2007, rappresenta il 90-95 per […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento