Geekissimo

Che cos’è Moodle, piattaforma leader dell’e-Learning

 
Antonio Mele
22 Ottobre 2020
1 commento

Negli ultimi mesi l’attenzione per l’e-learning e la formazione a distanza è cresciuta a dismisura, spinta dalle questioni emergenziali che hanno reso a dir poco complicato l’accesso ai classici corsi e lezioni. Non è un caso quindi che Moodle, una delle piattaforme più note in questo settore, abbia conosciuto un incredibile interesse e sia ora utilizzata su oltre 160mila siti a livello mondiale, di cui quasi 5 mila solo in Italia.

Moodle

Moodle

La storia di Moodle

Acronimo di Modular Object-Oriented Dynamic Learning Environment (in italiano, ambiente per l’apprendimento modulare, dinamico, orientato ad oggetti), Moodle è un sistema di gestione dell’apprendimento (LMS) gratuito e open source scritto in PHP e JavaScript e distribuito sotto la GNU General Public License.

Ideato dall’informatico australiano Martin Dougiamas, il software si basa su principi pedagogici e in particolare sul costruzionismo; è stato rilasciato ufficialmente nell’agosto del 2002 e quindi da poco è diventato “maggiorenne”. I suoi utilizzi principali sono il blended learning (formazione mista, fisica e virtuale), l’istruzione a distanza, le flipped classroom e altri progetti di e-learning in scuole, università, luoghi di lavoro e altri settori.

La diffusione della piattaforma

Grazie a funzionalità di gestione personalizzabili, Moodle può essere usato per creare siti Web privati con corsi online per educatori e formatori che consentono di raggiungere obiettivi di apprendimento; inoltre, consente di estendere e personalizzare gli ambienti di apprendimento utilizzando plug-in provenienti dalla comunità.

A supporto del sistema si sono sviluppati anche servizi di terza parte, e in particolare ci sono aziende come Flamenetworks che offrono soluzioni dedicate di hosting Moodle che consentono di rendere più stabile, efficiente e sicuro per il proprio sito e-learning.

I numeri di Moodle

Le statistiche di Moodle più recenti confermano la sua diffusione crescente: stando alla pagina ufficiale della piattaforma, a livello mondiale ci sono oltre 162 mila siti che usano il sistema, suddivisi in 238 Paesi del globo, e fornisce più di 30 milioni di corsi a 250 milioni di utenti. Le iscrizioni complessive sono circa 1,5 milioni, le domande dei quiz per le valutazioni sono più di 3 miliardi, i post pubblicati sui forum superano il mezzo miliardo e le risorse formative di vario tipo caricate online sono circa 250 milioni.

In Italia si contano poco meno di 4 mila siti che utilizzano Moodle, tra cui centinaia di enti formativi comprese molte università, ma a livello europeo la piattaforma è molto più conosciuta e impiegata in Spagna (circa 13 mila siti), Germania (quasi 10 mila) e Francia (5500 siti). In generale, detiene oltre il 50 per cento della quota di mercato in Europa, America Latina e Oceania.

Le caratteristiche della piattaforma

Moodle è stato originariamente sviluppato da Martin Dougiamas per aiutare gli educatori a creare corsi online con un focus sull’interazione e la costruzione collaborativa dei contenuti, cardini del costruzionismo sociale, sistema pedagogico che ritiene appunto che collaborazione, scambio e riflessione critica e condivisa siano fondamentali per l’apprendimento.

Insieme a queste caratteristiche teoriche basilari, sono state anche le peculiarità tecniche a fare la fortuna del sistema, che sin dalle origini è stato costruito per garantire compatibilità anche con browser obsoleti, con grande attenzione all’usabilità e alla efficienza. Inoltre, Moodle ha sviluppato una serie di funzionalità poi divenute standard per i sistemi di gestione dell’apprendimento, come un calendario e un registro dei voti.

Un sito Moodle può supportare migliaia di corsi e gestire in maniera ottimale sia classi complete sia lezioni di insegnamento faccia a faccia, adattandosi quindi a ogni tipo di esigenza, sia di tipo istruttivo che per la formazione professionale.

Categorie: web 3.0
Tags: Machine learning, 
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Studiare online is the new black

Studiare online is the new black

Un approfondimento legato ad un argomento diventato improvvisamente caldo in questo strano 2020

Focus sulla truffa della busta verde: coinvolte le Poste Italiane

Focus sulla truffa della busta verde: coinvolte le Poste Italiane

Sta girando molto la truffa della busta verde, con relativo coinvolgimento delle Poste Italiane

Twittgeek, un boost per il vostro account Twitter

Twittgeek, un boost per il vostro account Twitter

Le dinamiche di successo su Twitter ancora non sono chiare. Si è portati a credere che più followers si abbiano più si stia andando bene, ma non è sempre così; […]

Wolfram Alpha: sarà il killer di Google o un ennesimo tentativo fallito?

Wolfram Alpha: sarà il killer di Google o un ennesimo tentativo fallito?

In una piccola era nella quale Google pare regnare indisturbato ed indiscusso nel regno dei tanti, troppi motori di ricerca, buone nuove si hanno per gli utenti più curiosamente geek: […]

Search Me: il motore di ricerca visuale definitivo?

Search Me: il motore di ricerca visuale definitivo?

Qualche volta mi piace sperimentare nuovi modi di cercare in Internet. Solitamente sono fedele a Google perché è l’unico motore di ricerca che mi soddisfa appieno, opinione personale, ma a […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1vreyro linomit

    hi!,I like your writing so much! share we communicate more about your post on AOL? I require an expert on this area to solve my problem. Maybe that’s you! Looking forward to see you.

    26 Ott 2020, 9:39 pm Rispondi|Quota