Geekissimo

I motori di ricerca dovrebbero indicizzare i siti-truffa? (E vi racconto l’ennesima brutta figura tutta italiana)

 
Daniele Semeraro ([email protected])
24 Novembre 2007
17 commenti
Truffe

La domanda che mi e vi pongo oggi è la seguente: è giusto che i motori di ricerca indicizzino siti che portano a contenuti vietati, contro la legge o contenenti truffe? “A pelle” potremmo rispondere che non è giusto; ma Google, Yahoo!&co. rimandano all’utente risultati in modo automatizzato, i cui filtri spesso non riescono a bloccare i contenuti vietati o illegali. Perché vi faccio questa domanda e perché il post ha attinenza con il nostro Paese?

Ecco la storia: qualche giorno fa sono arrivate alle autorità competenti molte segnalazioni, da parte di utenti di tutto il mondo, su un sito che truffava i consumatori vendendo a prezzi stracciati diverse tipologie di prodotti. Il tutto non accettando pagamenti con carta di credito: chi voleva acquistare i beni doveva inviare il denaro ad un indirizzo in Italia. Purtroppo, decine e decine di persone sono cadute nella trappola, spendendo centinaia di Euro ognuno, tanto che la vicenda è stata soprannominata “Italian job”.


Ovviamente – lo sanno tutti – quando si fa shopping online su siti che non sono stra-conosciuti è buona norma stare molto attenti ed essere sempre “sul chi-va-là”. È ovvio, ad esempio, che se ci troviamo su un sito di shopping-online che non accetta carte di credito, proprio questo fattore può rappresentare un campanello d’allarme. Purtroppo non abbiamo detto tutto: il sito in questione non solo era indicizzato in Google, ma anche in Google Products, il motore di ricerca specializzato in acquisti online.

La soluzione? Difficile a dirsi. Come sempre ci sono due facce della stessa medaglia: c’è chi afferma che i motori di ricerca hanno il diritto di indicizzare tutto ciò che trovano sul Web, che il contenuto sia vietato o no. Sta poi all’utente decidere se fidarsi o meno. E c’è, invece, chi dice che i motori di ricerca dovrebbero stare molto più attenti, potenziando i propri filtri di sicurezza affinché ignari cittadini non cadano nelle trappole delle truffe. Qual è il vostro punto di vista? Con quale delle due opinioni siete d’accordo?

Via | Pc Magazine
Potrebbe interessarti anche
Articoli Correlati
Non si vive di solo Google! 7 motori di ricerca alternativi da prendere in considerazione

Non si vive di solo Google! 7 motori di ricerca alternativi da prendere in considerazione

Ovviamente il titolo è volutamente provocatorio, Google è il migliore in assoluto nel suo campo e non si discute (anche se qualcuno gli preferisce Yahoo!, soprattutto oltreoceano), ma da bravi […]

Come migliorare le ricerche in Google con Customize Google

Come migliorare le ricerche in Google con Customize Google

Firefox e Google: un’accoppiata vincente. E se anche voi siete tra quelli che utilizzano il miglior motore di ricerca all’interno del miglior browser in circolazione, allora dovete assolutamente provare Customize […]

Come scoprire se qualcuno accede senza permesso alla nostra casella di posta elettronica

Come scoprire se qualcuno accede senza permesso alla nostra casella di posta elettronica

Con gli attuali, immensi, ottimi servizi come Gmail, le nostre caselle di posta elettronica sono diventate ancora più preziose rispetto a quanto non lo fossero già qualche anno fa. Infatti […]

“Gli indirizzi Ip devono essere considerati dei dati personali”. Parola del commissario europeo

“Gli indirizzi Ip devono essere considerati dei dati personali”. Parola del commissario europeo

Gli indirizzi Ip, le classiche stringhe di numeri del tipo 194.20.345.233 (ho scritto un indirizzo a caso) che identificano i computer sulla rete, dovrebbero essere considerati alla stregua dei dati […]

Google inizia a perdere colpi. O no?

Google inizia a perdere colpi. O no?

Oggi mi sono imbattuto in un interessante articolo che parla dei risultati delle ricerche di Google. Forse non ci avevate mai fatto caso, ma quando effettuiamo una ricerca con Google, […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1Francesco

    Una volta da “MI manda Lubrano”, il manager di una azienda convocata per rispondere alle lamentele dei consumatori disse testualmente: “questa è la trasmissione dei cretini..” dove veniva a piangere gente che era stata turlupinata in tutti i modi possibili, alcuni tanto marchiani che non avrebbero nemmeno infinocchiato l’aborigeno.. Il phishinged altre turffe puntano proprio sulla dabbenaggine della gente, come quelli che hanno perso la causa contro i “dialeristi” perchè questi ultimi avevano effettivamente avvertito dei costi ed gli utenti avevano cliccato su Ok.. Credo che se la gente ci mettesse un tantino più di testa forse sarebbe meglio e Wanna Marchi dovrebbe cambiare mestiere..

    24 Nov 2007, 10:05 am Rispondi|Quota
  • #2maidiremais

    beh però c’è anche da dire che non tutte le persone hanno lo stesso livello di cultura, di attenzione e d informazione. in fondo internet è un mezzo accessibile da moltissime persone e quasi nessuno può vantarsi di saperlo usare correttamente! un po’ di controllo da parte di organismi che forniscono un servizio ci dovrebbe essere.

    24 Nov 2007, 11:13 am Rispondi|Quota
  • #3bryk

    Riesci sempre ad affrontare e discutere con semplicità argomenti utili.Seguendo i tuoi consigli non ho mai avuto dubbi . Grazie

    24 Nov 2007, 11:14 am Rispondi|Quota
  • #4Deplo

    Cioè…c’è navigatore e navigatore…
    C’è quello che non ne sa niente di servizi online & co. e si butta sul primo che trova su google…, come c’è quello che sgama tutte le gabole…
    Quindi non è un problema dei motori di ricerca…è un problema di chi fa le cose senza pensarci…
    “la legge non ammette ignoranza”….

    24 Nov 2007, 11:18 am Rispondi|Quota
  • #5Griever88

    Secondo questa classificazione , si potrebbe anche pensare a motori di ricerca “iper-sicuri” ed altri che invece mostrino tutto ciò che si trovi sul web.
    Si limiterebbe così il problema alla scelta del motore di ricerca da adottare da parte dell’utente (che lo sceglie in base alle proprie conoscenze di internet … in genere chi non si destreggia molto bene lo ammette)

    24 Nov 2007, 11:45 am Rispondi|Quota
  • #6Gian Piero biancoli

    Domanda stupida : ma non è sufficiente chiudere i siti truffa?

    In Italia, bannando gli IP, vengono già inibiti siti di gambling online (www.pkr.com per esempio) che sarebbero perfettamente leggittimi, semplicemente per compiacere i monopoli di Stato.

    Se con Google trovo un sito truffa e quando ci clicco sopra questo non è disponibile io sono già tutelato.

    Perchè intervenire sugli algoritmi di ricerca quando basta perseguire chi realmente commette reato?

    Salutoni a tutti e state benone e un ringraziamento particolare agli autori di GEEKISSIMO: blog utilissimo e ben fatto, bravi!

    24 Nov 2007, 11:53 am Rispondi|Quota
  • #7Pugia

    Come è già stato detto, basterebbe un po’ di attenzione, e soprattutto, non pensare di poter fare tutto da soli…io ho molti amici che, non essendo “esperti” o semplicemente pratici di internet e degli acquisti in rete, spesso mi chiamano per chiedermi consiglio prima di fare mosse avventate…penso che chiunque abbia nel suo giro di conoscenze qualcuno in grado di dare una mano e un consiglio in questi casi…

    24 Nov 2007, 12:49 pm Rispondi|Quota
  • #8igor the best

    io credo proprio che questi siti non dovrebbero neanche esistere, ma purtroppo ci sono e allora i motori di ricerca devono proteggerci da truffe e co. 🙂

    24 Nov 2007, 1:35 pm Rispondi|Quota
  • #9Ohm

    Comprendo che google debba indicizzare tutto… ma almeno un qualche filtrino su google products…

    24 Nov 2007, 1:43 pm Rispondi|Quota
  • #10mangiucugna

    Mah, io credo che il problema non possa cadere sui motori di ricerca che svolgono il proprio lavoro indicizzando tutto il web e nel modo migliore possibile.
    Credo che si debba intervenire in modo molto più efficiente a livello di oscuramento degli IP, la polizia postale interviene molto presto quando un sito mostra i link a bittorrent o spiega come si coltiva la marijuana, allora perché non interviene su chi veramente nuoce a internet e alla fiducia nella rete??
    Il primo che paga in questi casi è proprio chi lavora onestamente con internet….

    24 Nov 2007, 1:54 pm Rispondi|Quota
  • #11Carmelo

    Nell'ecommerce che hai citato c'erano due campanelli d'allarme pesanti;

    la mancanza di pagamento con carte di credito (come hai fatto notare) e i prezzi eccessivamente bassi.

    A ciò aggiungi che con ogni probabilità il sito non riportava molte delle indicazioni obbligatoria per un negozio, come il num. di P.IVA, l'indirizzo e altro.

    Ne ho visti parecchi ecommerce che sembravano palesemente farlocchi, spesso realizzzati con virtuemart o OScommerce.

    Ma non saprei come bloccarne l'indicizzazione.

    Probabilmente si dovrebbe dichiarare il sito come negozio e registrarlo in un database speciale di motori di ricerca che dovrebbe indicizzarli solo dopo averli esaminati.

    24 Nov 2007, 2:31 pm Rispondi|Quota
  • #12giuseppe d’alessio

    Sarebbe difficile per i motori di ricerca capire se un sito è una truffa o meno. Più che altro si potrebbe implementare un feedback stile ebay per verificare se è un sito buono o meno.

    24 Nov 2007, 3:19 pm Rispondi|Quota
  • #13frank

    E’ vero,
    se io apro un sito e vendo merce solo tramite invio di denaro, non sono un truffatore fino a quando non ricevo i soldi e non mando la merce, ed allora, i motori di ricerca, come potrebbero dire a priori che il mio è un sito truffaldino?

    24 Nov 2007, 6:19 pm Rispondi|Quota
  • #14rillos

    Credo che ormai su internet legale e illegale vengono divisi solo da una sottile linea. Non gridiamo allo scandalo google &co. fanno il loro mestiere tu cerchi i ti trovo, legale o illegale poi sta a te.
    Non credo si crea scandalo quando su un motore di ricerca si cerca torrent mp3 e altre cose qui le cose vanno bene a tutti…. con questa non voglio generalizzare ma è un dato di fatto. utente medio utente esperto non credo sia questo il problema basta solo un pò di attenzione

    24 Nov 2007, 6:23 pm Rispondi|Quota
  • #15Alex

    Servono entrambe, sia l’utente che il motere di ricerca.

    24 Nov 2007, 7:39 pm Rispondi|Quota
  • #16marsyen

    sono perfettamente d’accordo che basta sgamare, ma… trovo assurdo che devi prestare attenzione a curiosare le proposte offerte online anche senza acquisto, qst furbetti sono in grado di rintracciare la tua posta e qlc addiritura trova anche il numero del tel fisso che tra l’altro il mio è privato Chi mi può spiegare sta cosa?”

    25 Nov 2007, 8:15 am Rispondi|Quota
  • #17darkred

    Credo che i motori debbano fare al meglio il loro mestiere, spostando il problema di bannare il sito a persone o sistemi che possano tempestivamente oscurare il sito truffa.

    Per il pagamento, è chiaro che la fiducia da costruire con l’utente e convincerlo a pagare in anticipo un prodotto è difficile, e i commenti o le esperienze di altri clienti sono molto utili.

    In ultimo, sicuramente questi casi sono devastanti per i principi sani di internet. Bye.

    27 Dic 2007, 11:49 pm Rispondi|Quota